Curiosità

La mappa italiana dell'odio e dell'intolleranza

Vox Diritti avvia un progetto per la realizzazione della prima mappa italiana dell'intolleranza basata sui tweet. E tutti possono contribuire.

Qual è la regione d’Italia più intollerante nei confronti degli stranieri? E la città più omofoba? La risposta a queste e altre poco edificanti domande potrebbe arrivare molto presto da Vox-Osservatorio italiano sui diritti, grazie a una collaborazione con il Dipartimento di Informatica dell'Università degli studi di Bari Aldo Moro, l'Università degli studi di Milano e la Facoltà di Medicina e Psicologia dell'Università La Sapienza di Roma.

Le quattro organizzazioni, sotto la supervisione dello psicologo Vittorio Lingiardi, vogliono infatti realizzare la prima mappa italiana dell’odio basta sui Tweet.

Tweet odiosi...
L’idea, che ricalca molto da vicino la Hate Map della Humboldt State University della California, è quella di raccogliere i tweet georeferenziati cinguettati nel nostro paese e catalogarli in base al contenuto. Al momento gli ideatori del progetto sono a caccia di risorse attraverso la piattaforma di crowdfunding www.limoney.it

I numeri della vergogna
Secondo i dati diffusi da Vox, solo nel 2013, 6.743.000 sono state le donne vittime di abusi fisici o sessuali, 1 gay su 4 è stato vittima di violenza (20.000 richieste di aiuto pervenute al Gay Center), mentre il 45% dei giovani si considera xenofobo o diffida degli stranieri.

In questo scenario, i social network giocano un ruolo non indifferente nell’alimentare sentimenti e parole di intolleranza e di odio verso il prossimo.

Ti potrebbero interessare
La storia di Twitter in un video
Se Twitter finisce sulla carta igienica

5 febbraio 2014 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us