Curiosità

La bufala del panda in business class

Una foto di un panda seduto in aereo ha fatto il giro del mondo via Internet. Prima di rivelarsi per quello che è, uno scherzo, ha ingannato centinaia di siti.

Sarà perché sono una specie in estinzione che ora i panda viaggiano in aereo in business class e non più nella stiva? Così ha tentato di far credere la più recente bufala del web, che mostra la foto di un cucciolo di panda (Squee Squee) e del suo accompagnatore (Fu Jiang Lang) seduti fianco a fianco in aereo. Destinazione: uno zoo negli Stati Uniti.

A dare la notizia è stato una sorta di comunicato stampa delle China Airlines che sostiene economicamente il Santuario di Cheng Du, la riserva dei panda giganti. Secondo il comunicato stampa, non verificato da molti siti, la compagnia aerea proprio per questo avrebbe acconsentito alla richiesta dei veterinari di non far volare il panda nella stiva perché lì sarebbe stato difficile potergli dare le cure necessarie.
[Guarda i 5 pesci d'aprile più clamorosi della storia]

La notizia si è diffusa su web, ma un po’ più di senso critico e maggiore attenzione alla parte finale del finto comunicato, non avrebbe guastato. E soprattutto avrebbe smascherato lo scherzo. Il comunicato, infatti, in un crescendo di assurdità recitava nell’ordine: per questioni d'igiene Squee Squee ha indossato un pannolino di plastica per i bisogni durante il volo;. il piccolo panda non ha potuto vedere il film “perché non siamo riusciti a trovare delle cuffie della sua misura; Squee Squee ha ordinato un menu a base di bamboo, compresa la bamboo mousse come dessert.

I più maligni come il sito jalopnik.com, che si occupa di trasporti ha sollevato un altro dubbio su China Airlines: “La compagnia ha una business class?”.

9 dicembre 2012 Sabina Berra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us