Curiosità

Sarà questa la bandiera che pianteremo su Marte?

Un designer svedese lancia una proposta per una "bandiera mondiale" che rappresenti l'umanità nello spazio, ma non solo.

Era un problema da affrontare prima o poi, perché (forse) i tempi sono cambiati da quando Neil Armstrong poteva passeggiare sul suolo lunare in nome degli Stati Uniti e piantare la bandiera a stelle e strisce a testimoniare l'orgoglio di un Paese.

Le missioni spaziali oggi sono spesso finanziate e partecipate da diverse nazioni, e la corsa allo spazio ha subito un'impennata quanto a progetti, ambizioni e investimenti con l'ingresso massiccio di paesi inaspettati e compagnie private, come ad esempio Virgin Galactic e Tesla con il progetto SpaceX.

L'ipotesi che un giorno l'uomo approdi su un altro pianeta (Marte è il più gettonato), magari per colonizzarlo, è sempre meno fantascienza. Allora ecco il problema... Quale bandiera pianteremo sul suolo alieno?

Se le imprese spaziali non hanno più confini nazionali, serve una bandiera comune per rappresentare nell'universo l'umanità. Questa è stata la riflessione di Oskar Pernefeldt, designer svedese del Beckmans College of Design di Stoccolma, che ha dato il via a un'iniziativa per una nuova bandiera mondiale. Il progetto, che è anche la sua tesi di laurea, ha per titolo The International Flag of Planet Earth e si presenta sul sito come fosse promosso da un ente istituzionale, ma non lo è (e per questo l'autore ha rimediato qualche sfottò in Rete).

Semplice e simbolica. Pernefeldt ha elaborato la sua versione della bandiera della Terra, che consiste in un vessillo dallo sfondo blu acceso (colore dell'acqua e dello spazio) dentro il quale campeggiano sette anelli bianchi intrecciati fra loro. La figura determinata dagli anelli è più o meno quella di un fiore, a simboleggiare la vita sul pianeta; si intersecano l'un l'altro a significare i legami fra paesi e popolazioni. Il video qui sotto (in inglese) racconta come è nata questa icona.


Utopie. Probabilmente Pernefeldt si è ispirato, fra le altre cose, alla rosa dei venti, ai cerchi olimpici e ai simboli celtici. E la sua bandiera non è destinata solo alla conquista dello spazio, ma a un mondo utopico in cui il pianeta non ha più divisioni.


Che ne dite? Vi sentireste rappresentati da un simbolo del genere?

20 maggio 2015 Martino De Mori
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us