Curiosità

L'esistenza dei marziani? Una bufala dovuta a un errore di traduzione

A fine '800 si diffuse la convinzione che su Marte vivesse una civiltà aliena intelligente. Ma quella sui marziani era una bufala dovuta a un errore di traduzione.

I traduttori lo sanno bene: il loro lavoro, quasi sempre nell'ombra e da alcuni persino definito semplicemente come "un lavoretto per arrotondare", quando è eseguito male può creare non pochi problemi. Se è vero che un'ottima traduzione tende a passare inosservata perché scorre bene, un testo mal tradotto renderà nel migliore dei casi difficoltosa e poco piacevole la lettura, nel peggiore arriverà addirittura a cambiare la storia.

Disegni a memoria. Uno degli esempi più emblematici di quanto un misunderstanding possa portare a svolte epocali fu descritto da Giovanni Bignami, astrofisico e divulgatore scomparso nel 2017, nel suo libro I marziani siamo noi.

Tutto iniziò quando Giovanni Virginio Schiaparelli (1835-1910), astronomo e direttore dell'Osservatorio di Brera per quasi quarant'anni, osservò per la prima volta Marte con il suo telescopio e iniziò a disegnarne la superficie. «A quel tempo all'oculare del telescopio si metteva appunto l'occhio, non una macchina fotografica o una telecamera, come oggi», scriveva Bignami, che sottolineava come ciò che si vedeva (o credeva di vedere) andasse poi disegnato in seguito a mano su un foglio. Agli occhi di Schiaparelli le diversità cromatiche viste sulla superficie del Pianeta Rosso erano attribuibili alla presenza di continenti e mari, questi ultimi uniti tra loro da canali.

Canali marziani Schiaparelli
Uno dei disegni di Schiaparelli raffigurante i mari e i canali che aveva visto su Marte. © Meyers Konversations-Lexikon (German encyclopaedia), 1888

Quel pasticciaccio brutto. Il successo del lavoro dell'astronomo italiano fu enorme, e le sue parole e i suoi disegni arrivarono fino oltreoceano: qui affascinarono un ricco diplomatico statunitense, Percival Lowell, che abbandonò la carriera diplomatica per investire sull'astronomia (il Lowell Observatory, sulle montagne dell'Arizona, è attivo ancora oggi). Prima di osservare con i suoi occhi il Pianeta Rosso, Lowell aveva letto dei fantomatici "canali" di cui parlava Schiaparelli, ma era stato tratto in inganno dalla traduzione (errata) inglese, che aveva reso "canali" non come channel (ovvero braccio di mare naturale) ma come canal, termine che implica un'origine artificiale del tutto assente nella versione italiana.

Fantascienza. Il pasticcio era fatto: dopo la morte di Schiaparelli, avvenuta nel 1910, Lowell iniziò a sciorinare teorie alquanto fantasiose sulla brulicante vita che animava il Pianeta Rosso. Grazie anche alla sua posizione sociale, nel 1911 Lowell riuscì a far annunciare da un titolo a tutta pagina del New York Times "I marziani costruiscono due immensi canali in due anni". Le fantasiose teorie nate da «uno svarione linguistico» vennero fortunatamente smentite poco dopo dalla fotografia astronomica, grazie alla quale si capì che la superficie di Marte non era affatto come Lowell l'aveva descritta.

8 giugno 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us