Focus

Passatempi intelligenti Vai allo speciale

Jogging: chi vince in resistenza tra l'uomo e la donna?

Uomini e donne sono profondamente diversi, e più tempo passa e più la scienza scopre fino a che punto. Per esempio, nello jogging.

Jogging: chi vince in resistenza tra l'uomo e la donna?
| Shutterstock

Uomini e donne sono diversi fisicamente, biologicamente, psicologicamente. Questo ormai si sa, ma ogni volta che la scienza indaga sulle differenze tra i due sessi scopre qualcosa in più, a volte anche con una certa sorpresa. L'ultima curiosità riguarda la resistenza alla fatica praticando jogging: sembra che nelle partenze l'uomo abbia performance fisiche migliori ma che, all'aumentare della distanza, la donna regga meglio la fatica.

bruciare energie. A questa conclusione è arrivata una ricerca di Runrepeat, realizzata insieme all'Associazione internazionale degli ultrarunners (IAU), che ha analizzato più di 5 milioni di risultati sportivi degli ultimi 23 anni, confermando come oltre una certa distanza, in media, le donne superino gli uomini nella corsa.

 

Focus Domande & Risposte 65
Domande curiose e risposte scientifiche su Focus D&R, in edicola e in digitale. | Focus

muscoli più resistenti. Diversi studi scientifici hanno indagato sui meccanismi all'origine di queste differenze: secondo i ricercatori dell'università statunitense di Dayton, in Ohio, il corpo femminile sarebbe propenso a bruciare energie in maniera più regolare e sistematica, mentre lo sforzo maggiore degli uomini sarebbe profuso nelle fasi iniziali di una competizione. Questa migliore gestione consentirebbe alle donne di avere ancora energie da spendere nelle fasi più avanzate della gara.

 

Gli studiosi canadesi dell'Università della Columbia Britannica sostengono che i maschi sono fisicamente più forti e veloci mentre le femmine hanno una maggiore resistenza muscolare: un test ha infatti dimostrato che le partecipanti donne, dopo avere svolto esercizi muscolari semplici, erano meno affaticate rispetto agli uomini di età e capacità atletiche simili.

 

Questione mentale. Altri esperti, infine, pongono l'attenzione su una predisposizione psicologica e comportamentale particolare di orgine evolutiva, che porterebbe le donne a perseverare e ad amministrare in maniera ottimale le loro forze, mentre l'uomo tenderebbe a spendere le proprie energie in modo più immediato.

 

18 luglio 2020 | Fabrizia Sacchetti