Curiosità

L'orologio di Bezos funzionerà 10.000 anni

Anziché una grande piramide, Jeff Bezos costruisce un immenso orologio destinato a funzionare per 100 secoli nel cuore di una montagna. Un tributo all'umanità o alla sua vanità?

Jeff Bezos, fondatore di Amazon e proprietario di Blue Origin (navette per il turismo spaziale) sta costruendo un orologio che dovrebbe funzionare ininterrottamente per i prossimi diecimila anni. I lavori sono iniziati da tempo all'interno di una montagna della Sierra Diablo, in Texas, di proprietà dello stesso Bezos.

Il progetto dell'orologio è di Danny Hillis (inventore e scienziato), che lo ideò nel 1986: per sfidare il tempo il meccanismi, alto 152 metri, ticchetterà una volta all'anno, una lancetta secolare avanzerà una volta ogni cent'anni e una sorta di cucù si farà sentire (con suoni sempre diversi) ogni 1.000 anni.

Jeff Bezos, Amazon, Blue Origin, Long Now Foundation
La dimensione dei meccanismi. © Long Now Foundation

L'orologio sarà alimentato da energia meccanica prodotta dai visitatori, oltre che da uno speciale cilindro di grafite che converte energia termica (solare) in energia meccanica.

I materiali utilizzati per la costruzione sono l'acciaio inossidabile, il titanio e la ceramica (per cuscinetti a sfera che, sulla carta, non avranno mai bisogni di essere lubrificati). Nelle viscere della montagna ci sono 5 "camere" dedicate, ognuna, ai vari anniversari: annuale, decennale, secolare, millenario e, infine, quello dei 10.000 annii. La camera predisposta per l'anniversario annuale ospita un modello dinamico del Sistema Solare, delle lune e delle sonde interplanetarie lanciate nel ventesimo secolo.

Jeff Bezos, Amazon, Blue Origin, Long Now Foundation
Il planetario poggia su di una base di 2,5 metri: mostra la posizione di sei pianeti visibili a occhio nudo, da Mercurio a Saturno. © Long Now Foundation

Bezos deve ancora decidere come organizzare la camera del decennio, ma pare che non farà nulla per gli anniversari dei 100, 1.000 e 10.000 anni, non si sa bene se per non buttare via altri soldi o (come dice) per lasciare alle generazioni future la possibilità di esprimersi in libertà.

Opera d'ingegno o vanità? Questo sfizio di Bezos, che costerà circa 42 milioni di dollari, vuole essere (ha scritto in un Tweet) "un simbolo per il pensiero a lungo termine". Quando presentò il progetto, nel 2011, dichiarò che «nel corso della vita dell'orologio è probabile che gli Stati Uniti scompariranno, intere civiltà nasceranno e altre cadranno, saranno inventati nuovi sistemi di governo e avremo un mondo che non riusciamo neppure a immaginare». In molti hanno criticato la spesa per quest'opera, considerata un segno della vanità di Bezos: per altri, invece, è un'opera d'arte e, come tale, per quanto costi non ha un "valore economico" se non quello che le viene attribuito.

Al momento non è chiaro quando l'opera sarà terminata: nel sito dell'orologio dei 10.000 anni è però già possibile prenotare una visita. Oltre che fare una donazione, naturalmente.

23 febbraio 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us