L'orologio di Bezos funzionerà 10.000 anni

Anziché una grande piramide, Jeff Bezos costruisce un immenso orologio destinato a funzionare per 100 secoli nel cuore di una montagna. Un tributo all'umanità o alla sua vanità?

Jeff Bezos, fondatore di Amazon e proprietario di Blue Origin (navette per il turismo spaziale) sta costruendo un orologio che dovrebbe funzionare ininterrottamente per i prossimi diecimila anni. I lavori sono iniziati da tempo all'interno di una montagna della Sierra Diablo, in Texas, di proprietà dello stesso Bezos.

 

Il progetto dell'orologio è di Danny Hillis (inventore e scienziato), che lo ideò nel 1986: per sfidare il tempo il meccanismi, alto 152 metri, ticchetterà una volta all'anno, una lancetta secolare avanzerà una volta ogni cent'anni e una sorta di cucù si farà sentire (con suoni sempre diversi) ogni 1.000 anni.

 

Jeff Bezos, Amazon, Blue Origin, Long Now Foundation
La dimensione dei meccanismi. | Long Now Foundation

L'orologio sarà alimentato da energia meccanica prodotta dai visitatori, oltre che da uno speciale cilindro di grafite che converte energia termica (solare) in energia meccanica.

 

I materiali utilizzati per la costruzione sono l'acciaio inossidabile, il titanio e la ceramica (per cuscinetti a sfera che, sulla carta, non avranno mai bisogni di essere lubrificati). Nelle viscere della montagna ci sono 5 "camere" dedicate, ognuna, ai vari anniversari: annuale, decennale, secolare, millenario e, infine, quello dei 10.000 annii. La camera predisposta per l'anniversario annuale ospita un modello dinamico del Sistema Solare, delle lune e delle sonde interplanetarie lanciate nel ventesimo secolo.

 

Jeff Bezos, Amazon, Blue Origin, Long Now Foundation
Il planetario poggia su di una base di 2,5 metri: mostra la posizione di sei pianeti visibili a occhio nudo, da Mercurio a Saturno. | Long Now Foundation

Bezos deve ancora decidere come organizzare la camera del decennio, ma pare che non farà nulla per gli anniversari dei 100, 1.000 e 10.000 anni, non si sa bene se per non buttare via altri soldi o (come dice) per lasciare alle generazioni future la possibilità di esprimersi in libertà.

 

Opera d'ingegno o vanità? Questo sfizio di Bezos, che costerà circa 42 milioni di dollari, vuole essere (ha scritto in un Tweet) "un simbolo per il pensiero a lungo termine". Quando presentò il progetto, nel 2011, dichiarò che «nel corso della vita dell'orologio è probabile che gli Stati Uniti scompariranno, intere civiltà nasceranno e altre cadranno, saranno inventati nuovi sistemi di governo e avremo un mondo che non riusciamo neppure a immaginare». In molti hanno criticato la spesa per quest'opera, considerata un segno della vanità di Bezos: per altri, invece, è un'opera d'arte e, come tale, per quanto costi non ha un "valore economico" se non quello che le viene attribuito.

 

Al momento non è chiaro quando l'opera sarà terminata: nel sito dell'orologio dei 10.000 anni è però già possibile prenotare una visita. Oltre che fare una donazione, naturalmente.

 

23 Febbraio 2018 | Luigi Bignami