Curiosità

Israele mette al bando le modelle anoressiche

Potrà sfilare solo chi ha un BMI superiore a 18,5!

di Chiara Reali

Niente passerelle né pubblicità per chi ha un indice di massa corporea inferiore a 18,5 - e il BMI dovrà essere certificato da un medico. Si spera così di contrastare l’insorgenza di disturbi alimentari.

Magro è davvero bello? - È stata approvata lunedì sera e, sicuramente, farà discutere: è la legge che vieta alle modelle sottopeso di sfilare o posare, nel tentativo di promuovere un ideale di bellezza più accessibile e “salutare”. Uomini e donne, per potere essere assunti come modelli, dovranno sottoporsi a una visita medica che certifichi che rientrano nel loro peso forma. Sarà, inoltre, vietato utilizzare immagini di persone che sembrano sottopeso, pur non essendolo, e i pubblicitari dovranno dichiarare esplicitamente l’utilizzo di programmi di fotoritocco, soprattutto se utilizzati per rendere una persona - o un personaggio - più magra. «Bello non è sottopeso. Bello non dovrebbe coincidere con anoressico», ha dichiarato Rachel Adato, medico, una delle principali promotrici della legge.

... pensa alla salute! - C’è chi critica la norma dicendo che i legislatori non avrebbero dovuto limitarsi a tenere in considerazione il peso, ma avrebbero dovuto pensare alla salute in generale. Ma è chiaro che la legge ha come obiettivo quello di promuovere un’immagine più vicina al corpo delle donne “reali” e lontana dagli stereotipi della malattia. È solo uno dei tanti passi necessari per combattere i disturbi alimentari ma, secondo chi nell’ambiente ci lavora, un passo dovuto. Negli ultimi anni, infatti, le misure delle modelle hanno continuato a diminuire, mentre il peso delle persone che guardano le sfilate o sfogliano le riviste sta aumentando. Così come quello di chi soffre di anoressia, bulimia, o disturbi alimentari non altrimenti specificati. Adi Barkan, fotografo di moda che ha collaborato con Rachel Adato alla promozione della legge parla di una differenza tra “magro e troppo magro”. E tra “morte e vita”. Non c’è bisogno di aggiungere molto altro. (sp)

21 marzo 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us