Curiosità

In auto, si risparmia più carburante con i finestrini aperti o con l’aria condizionata?

Dubbio per i viaggi estivi: da quali fattori dipende il consumo di energia della nostra auto? Dipende dalla velocità con cui si corre.

Finestrini dell'auto aperti oppure chiusi con aria condizionata a palla? Il dubbio, quando si è in viaggio e si pensa al consumo della benzina sempre più cara, prima o poi arriva. Ebbene, la risposta è che dipende da due fattori. Il primo riguarda il funzionamento del compressore dell'aria condizionata e la quantità di carburante in più che il motore consuma per mantenerlo acceso. Il secondo è invece relativo alla resistenza dell'aria sulla carrozzeria dell'auto, che aumenta quando si guida a velocità elevate con i finestrini abbassati. In questo caso, infatti, l'aria entra all'interno dell'abitacolo, incontrando una resistenza che con i finestrini alzati non c'era.

Non correre. Anche così, per mantenere costante la velocità serve più energia, dunque un maggior consumo di carburante. La velocità è determinante, come dimostra, ad esempio, un test condotto nel 2013 dalla Society of Automotive Engineers, un ente di normazione nell'industria aerospaziale, automobilistica e veicolistica. Utilizzando un'auto a varie velocità, gli studiosi hanno scoperto che la vettura doveva viaggiare a velocità superiori ai 129 km/h con i finestrini giù, prima che la resistenza aerodinamica diminuisse la sua efficienza rispetto alla guida con l'aria condizionata.

Ogni mese su Focus in edicola trovi tante curiosità nello Speciale Focus Domande&RispostePerché non ti abboni?

2 settembre 2023 Roberto Mammì
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us