Illusioni, sovrapposizioni e scherzi della fotografia

Chiamatele sovrapposizioni, “illusioni ottiche”, strane prospettive o sleeveface… in tutti i casi si tratta di scherzi della fotografia. In alcuni casi è frutto del caso, in altri c’è genio e creatività… e un po’ di mestiere. Ecco la nostra selezione. Se il genere vi piace, non perdete anche: Le sovrapposizioni storiche.

Liberate la creatività e cambiate... prospettiva: con un po' spazio, creatività e una macchina fotografica è infatti possibile realizzare, insieme ai propri amici, immagini curiose e divertenti come quelle che abbiamo raccolto in questa gallery.
Il trucco? Riuscire a mettere a fuoco contemporaneamente i soggetti in primo piano e quelli sullo sfondo: per ottenere questo risultato occorre utilizzare lunghezze focali ridotte (quindi niente zoom o teleobiettivi) e diaframma chiuso al massimo con tempi di esposizione più lunghi.

Un curioso e pericoloso scatto di Aleksandr Malin.

Un pizzico di fortuna e lo scherzo della fotografia è più facile del previsto.

Kobe Bryant è una delle stelle del NBA (gioca nei Los Angeles Lakers), ma per schiacciare non ha bisogno delle ali.

Capelli sbarazzini quelli di un giardiniere visto aggirarsi al Chealsea Flower Show, fiera internazionale di giardinaggio che si svolge ogni anno a Londra. Se fosse vero - e non fosse solo frutto di una sovrapposizione ottica - la capigliatura non potrebbe comunque gareggiare con quella di Tran Van Hay, un vecchietto vietnamita, classe 1931, che sostiene di avere i capelli più lunghi del suo paese e del mondo intero: misurerebbero 6,2 metri e non vedrebbero una forbice da 38 anni.

Una morsa da falegname, qualche prova per trovare la sovrapposizione ottimale, ed ecco la foto ad effetto.

Allo zoo di Seattle (U.S.A.) c'è un'attrazione irresistibile per i curiosi: questa coppia di gemelli siamesi conduce una vita del tutto normale, nutrendosi autonomamente, ma movendosi in una sola direzione.
Anche tra gli uomini questo fenomeno è possibile anche se raro.
Niente paura però: gli ippopotami della foto non sono affatto siamesi. Si tratta solo di un effetto ottico: i due animali si sono perfettamente sovrapposti allo scatto del fotografo…

Gioco di prospettive al VinItaly di Verona, la più importante fiera enologica italiana.

Secondo voi l'effetto è voluto o è uno scatto "sbagliato"?

L'ex primo ministro inglese Gordon Brown durante la campagna elettorale per le elezioni del 2010 nelle quali è stato battuto dal conservatore David Cameron.

Un lampadario antico, una prospettiva particolare è il premio Nobel per la letteratura José Saramago prende "fuoco".
Samarago è stato uno scrittore, critico letterario, poeta, drammaturgo e giornalista portoghese, premio Nobel per la letteratura nel 1998. È morto nel 2010.

Il commissario europeo per gli affari economici e monetari Olli Rehn durante una conferenza stampa. 

Che sia la copertina di un disco, una banconota o una pubblicità, poco importa: basta trovare qualcosa di creativo da sovrapporre alla realtà e trasformarla così in una piccola opera d’arte. Ma se non si trova niente di adatto? Lo si crea sul momento, proprio come fa Ben Heine, fotografo e illustratore belga.

La sua visione astratta della realtà schematizzata dalla matita si sovrappone alla fredda oggettività della macchina fotografica creando un piacevole contrasto agli occhi di chi guarda.

La numero 1
Le sovrapposizioni di Heine sono nate per caso: l’artista stava scrivendo una lettera davanti alla TV e, rileggendola, ha visto l’apparecchio televisivo in trasparenza dietro al foglio di carta. È così nata l’idea di mixare immagini reali con schizzi a matita che ha immediatamente preso forma in questa semplice immagine di due sedie e un tavolino sul suo terrazzo.

Foto © Ben Heine

Ben Heine inizia i suoi lavori scegliendo con cura la fotografia tra quelle del suo archivio. L’artista considera lo spazio dell’immagine come un campo di battaglia dove due forme espressive diverse di affrontano a colpi di matita e macchina fotografica.

Foto © Ben Heine

Le opere della serie "Pencil Vs Camera" (matita contro macchina fotografica) sono il risultato di numerosi anni di esplorazione grafica e la logica conseguenza della mia evoluzione artistica” ha dichiarato Ben Heine in una recente intervista.

Foto © Ben Heine

Il lavoro di Ben non segue regole o schemi: tutto è affidato alla creatività. I risultati più interessanti sono dati dalle immagini dove la prospettiva gioca un ruolo rilevante, come in quella che vi proponiamo qui, in cui le linee della foto e quelle del disegno si fondono e diventano quasi indistinguibili per l’osservatore.

Con la prospettiva e le sovrapposizioni si può giocare in molti altri modi: guarda qui
.

Foto © Ben Heine

Michael Hughes è un fotografo londinese. Il suo lavoro gli ha permesso di girare il mondo e come tutti i viaggiatori ha comprato decine di cartoline, guide e improbabili ricordini di città e monumenti. Ma prima di chiuderli in uno scatolone e metterli in cantina li ha utilizzati per realizzare il progetto fotografico originale e creativo che vi presentiamo in questa fotogallery: Souvenirs.
L'opera completa comprende 100 scatti, tutti realizzati da Hughes. Se anche voi volete cimentarvi con questo tipo di fotografia e restituire una dignità anche ai più kitch dei ricordi di viaggio, potete pubblicare le vostre immagini su iFocus, nel gruppo "+ sovrapposizioni per tutti".

L'Acropoli di Atene e il Partenone.

La torre dell'orologio di Londra. Alta 96 metri è uno dei monumenti più celebri della capitale londinese. Altre sovrapposizioni da non perdere nella fotogallery "Sovrapponi tu, che sovrappongo anch'io!"

Abbey Road, Londra, e Abbey Road, l'album. L'ultimo inciso in studio dai Beatles, nel 1969.

Il Tower Bridge, a Londra.

Anche una Porta di Brandeburgo in resina può dare una gran soddisfazione (fotografica).

... e una visita ai templi di Luxor? Come perderla?

Anche senza cartoline, la giusta prospettiva vi può regalare un ricordo speciale delle grandi piramidi.

Una lattina, una fontana, un muretto e un pizzico di creatività: e il gioco, di prospettiva, è fatto.

Un espressione un po' più seria della ragazza "sospesa" sul lago, avrebbe conferito maggior drammaticità a questo scatto.

Un operaio impegnato a lavorare su un cartellone pubblicitario. Basta fotografare il particolare è lo scherzo fotografico è servito.

Questo feroce gigante, risparmierà i suoi amici o li lascerà cadere nel vuoto?

Una mano apparentemente gigantesca solleva da terra la povera ragazza protagonista della foto.

La mano di un turista si protende verso il volto di George Washington, scolpito nella roccia del monte Rushmore

Basta avere abbastanza spazio, e giocando con la prospettiva e la macchina fotografica ci si può anche mangiare una jeep.

La ginnasta Inna Zhukova ha appena lanciato il suo cerchio e, al posto del collo, eccole spuntare una flessuosa gamba… La ginnastica ritmica prevede un accompagnamento musicale e l'uso di piccoli attrezzi come palle, nastri, e cerchi: grazie alla naturalezza e alla scioltezza con cui vengono eseguiti i movimenti più complicati, questa disciplina si avvicina molto alla sfera della danza e rende sottilissimo il confine tra sport e arte. 

Il cane più lungo del mondo fa bella mostra nel corso di un'esibizione canina al Green Park di Londra: si chiama Tinuno ed è di razza Eurasier.

Non dite che alla lettura di questa notizia non avete fatto i vostri calcoli: possibile che un cane sia "così" lungo da superare la larghezza di un grosso tronco? Ebbene no: nella foto compare la coda di Tinu e il muso di Uno, due bei esemplari di Eurasier.
Il cane più piccolo del mondo risponde invece al nome di Tiny Pinocchio, uno Yorkshire che il 28 maggio 2003 misurava 20,3 centimetri. La sua crescita si è effettivamente fermata alle 8 settimane di vita: nonostante ciò il minuscolo cane gode di ottima salute.

Prendi un disco, ma anche un libro, una rivista, una pubblicità o una banconota. Prendi la tua faccia, ma anche quella di un tuo amico, di tuo cugino o del tuo cane. Trova la giusta prospettiva. Fai una foto.
Hai appena fatto uno sleeve face. È una moda del Web: si sovrappone, si fotografa, si condivide. E il risultato può essere esilarante.

Il segreto dello sleeve face è cercare la copertina giusta, quello che meglio si adatta alla fisionomia di ciascuno. E cercare anche delle situazioni che rendano il tutto inconsueto, irriverente o divertente.

Difficile realizzare gli sleeve-face con i cd, meno ancora con gli mp3. Vi cogliono i vecchi Lp di vinile.

Due facce, una copertina. Lo sleeve face funziona anche in due. E funziona ancora meglio se si presta attenzione ai dettagli: sfondi, luci, colori dei capelli... tutto contribuisce al risultato finale.

E se in copertina manca la faccia? Non c'è problema: basta sapere dove mettere le mani e creare la situazione giusta. I segreti per uno sleeve face da professionisti? Sono in questo video.

E c'è chi, come Nimrodste, grazie a una sovrapposizione si è aggiudicato il premio della giuria per uno dei concorsi fotografici di iFocus. In questo caso una vecchia cartolina di Pistoia sovrapposta all'originale al giorno d'oggi.

.... e si possono sovrapporre anche i libri! Con ottimi risultati. Basta prestare attenzione al posizionamento della copertina.

Le sovrapposizioni si possono fare anche con le banconote. In questo caso 20 sterline.

Un sapiente mix tra macrofotografia e gioco di prospettive fa apparire questa locusta intenta a suonare il pianoforte...

Laurent Laveder è un fotografo appassionato di astronomia che in 4 anni ha raccolto una serie di curiosi ritratti della luna. Con la complicità della sua compagna, Sabine Sannier, e delle splendide serate sulla spiaggia di Tréguennec in Bretagna, ha fotografato la luna da diverse prospettive. Con giochi di sovrapposizioni e illusioni ottiche molto divertenti.
Le foto sono state raccolte in un libro, Quartier Libre, e in diverse cartoline, acquistabili anche online.

Un quarto di Luna si adatta a far da prolungamento a una vistosa pancia.

Facile spostare la luna in questo modo.

Lavader fa parte del colletivo The World At Night che raggruppa i migliori astrofotografi paesaggisti del mondo.

LLa luna diventa un palloncino

Inquadrata dagli stipiti.

Con la luna si può giocare anche a pallavolo.

E oltre che con la Luna, si può giocare anche con il Sole, con effetti ugualmente spettacolari...

Il momento migliore per giocare con il Sole, fotograficamente parlando, è verso il tramonto, quando è basso sull'orizzonte e offre la possibilità di suggestivi controluce.

Il duetto cubano di nuoto sincronizzato composto da Kenia Perez e Yamisleidys Romay è pronto a tuffarsi in acqua durante una sessione di allenamento alle Olimpiadi del 2000 di Sidney. Questa disciplina è diventata olimpica a partire dai Giochi di Los Angeles nel 1984, anche se in America si eseguivano i primi balletti acquatici fin dagli anni Trenta.
Esther Williams, l'attrice divenuta famosa a Hollywood per le sue acrobazie anfibie, ha contribuito alla fama di questo sport: lei stessa si era qualificata come nuotatrice della squadra americana per l'edizione dei Giochi del 1940 che non furono disputati a causa della seconda guerra mondiale.

Sta davvero giocando col fuoco questa ragazzina che porge il dito al predatore più pericoloso degli oceani? Non rischia nulla in realtà visto che in questo caso lo squalo è ben chiuso nella vasca dell'acquario che lo ospita. Un'illusione ottica dunque.

Danilo Di Luca viene baciato durante la premiazione di una tappa del Giro d'Italia del 2009. Ma un coriandolo si sovrappone alla bocca del ciclista che sembra si sia messo un rossetto rosa.

Se ti piace ilo ciclismo potrebbe interessarti la storia della bicicletta e le biciclette più strane.

Due guardie presidenziali greche in marcia davanti al monumento al milite ignoto ad Atene.

Con le nuvole e il cielo i giochi di prospettiva, anche quelli un po' "zozzi", sono alla portata di tutti.

Un dipendente della casa d'aste Sotheby's prepara l'esposizione del "Ritratto di giovane donna" attribuito a Peter Paul Rubens.

Rassicuriamo i lettori. Paula Creame, la golfista ritratta in questa foto, ha due gambe.

Un poliziotto di guardia in Piazza Tiananmen a Pechino.

Un volontario di Amnesty International durante una protesta. La sua maschera sembra baciare la persona sullo sfondo.

Guarda anche C'è chi dice no: le proteste più strane.

Preparativi in occasione del Festival del Cinema di Venezia. Guarda un vero bacio di un leone.

Lamar McKay presidente di BP Ameriva durante un'audizione al Senato americano dopo il disastro della piattaforma Deepwater Horizon.

Un giocatore senza volto.

Il presidente Obama sembra avere una corona.

Terminiamo questa carrellata di scherzi della prospettiva con questa foto che in realtà è un po' fuori tema in quanto è stata realizzata intervenendo sulla rete. È opera di Tony Conlon, un'artista irlandese.

Liberate la creatività e cambiate... prospettiva: con un po' spazio, creatività e una macchina fotografica è infatti possibile realizzare, insieme ai propri amici, immagini curiose e divertenti come quelle che abbiamo raccolto in questa gallery.
Il trucco? Riuscire a mettere a fuoco contemporaneamente i soggetti in primo piano e quelli sullo sfondo: per ottenere questo risultato occorre utilizzare lunghezze focali ridotte (quindi niente zoom o teleobiettivi) e diaframma chiuso al massimo con tempi di esposizione più lunghi.