Curiosità

Che cosa temono gli italiani più della criminalità?

Il rapporto Istat 2016 sulla soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita.

In generale e "per la prima volta dopo 5 anni", si legge nelle prime righe del rapporto, migliora il giudizio delle famiglie sulle condizioni di vita in Italia, a partire da una positiva percezione della situazione economica e della soddisfazione per la propria vita nel complesso, uomini e donne senza significative differenze.

Le relazioni familiari e amicali sono sempre fonti di soddisfazione per ogni fascia di età, mentre la fiducia negli altri resta stazionaria rispetto alle indagini degli anni precedenti, con una significativa base di intervistati che esprime diffidenza più o meno marcata nei rapporti con il prossimo.

Lavoro, salute, tempo libero... C'è molto da fare (si legge tra le pieghe dei numeri), ma c'è anche una diffusa e condivisa positività, quasi una leggerezza, forse ben rappresentata anche nei timori: allora, di che cosa abbiamo paura?

Il primo posto della classifica dei timori nel Bel Paese è occupato dal "rischio criminalità", meno saldamente dell'anno scorso - perciò in discesa nelle "preferenze" degli italiani, anche se con qualche differenza tra gli intervistati di nord (in salita rispetto al 2015), centro e sud Italia. Al secondo posto c'è l'inquinamento dell'aria.

Un tema ambientale, dunque, correlato forse alla discussione sulla sensibilità ecologica, sulle emissioni inquinanti, il riscaldamento globale, i cambiamenti climatici... O forse no, forse è proprio che nelle nostre città si respira sempre peggio, e il disagio sembra sottolineato dal terzo classificato, il traffico, e le seccature connesse sono evidenziate dal saldo quarto posto occupato dalle... difficoltà di parcheggio! Gli amministratori locali e gli architetti urbanisti, le zone a traffico limitato e i parcheggi selvaggiamente vietati, sono avvisati.

4 dicembre 2016 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us