Cultura

Il Paese più felice del mondo è una chimera

Le classifiche che valutano la geografia della felicità non tengono conto di vari fattori come l'inclusione sociale, il senso di appartenenza, l'autostima. Tutti elementi connessi a una buona politica.

Qual è il Paese più felice del mondo? Il Bhutan? La Danimarca? Probabilmente, una domanda così non ha senso. Secondo un nuovo studio australiano in tema di geografia della felicità, gli indicatori usati si concentrano troppo sul confronto tra nazioni, senza tenere conto di fattori "interni" alla dimensione sociale di un Paese, determinanti nel benessere individuale.

Per questa ragione le classifiche di cui ogni tanto vi rendiamo conto, come quelle stilate nel Rapporto globale sulla felicità, non sarebbero poi del tutto attendibili. Un esempio. I Paesi che spesso finiscono in cima alla lista, come Danimarca, Norvegia, Svezia, Svizzera e Olanda, riportano anche un tasso di suicidi e malattie psichiatriche più alto della media globale, e questo vorrà pur dire qualcosa.

La felicità? Difficile da misurare. Oltre ai fattori politico-sociali, c'è anche la questione anagrafica: che cos'è la U della felicità?

Più in profondità. I ricercatori dell'Australian National University hanno analizzato 11 diversi indicatori di benessere in 23 Paesi europei: tra i parametri considerati, con dati raccolti su 46.000 soggetti, c'erano vitalità, autostima, fiducia, senso di scopo, senso di appartenenza, soddisfazione per la propria vita. Sono stati anche presi in considerazione fattori che differenziano nazione e nazione, come il prodotto interno lordo, il tasso di disoccupazione e la fiducia nel sistema politico e giudiziario.

Scopo dello studio era verificare se i fattori "interni", che non dipendono dalla geografia e dalle condizioni economiche di un Paese, contassero di più o di meno di quelli "esterni" - su cui si basa invece il confronto tra nazioni. Appartenere a una comunità, avere uno scopo nella vita o essere vitali e impegnati non dipendono strettamente dalla nazione in cui si vive (a meno che questa non versi in condizioni disperate di guerra o povertà).

geografia della felicità, Rapporto globale sulla felicità
Consigli per essere felici, da una mente geniale. Einstein mostra la lingua: storia di una foto cult. © Shutterstock

Un quadro più preciso. Tra gli 11 indicatori di benessere misurati, soltanto uno varia da nazione a nazione: la soddisfazione per la propria vita. La diversa provenienza geografica è responsabile del 22% della variabilità di questo parametro. Gli altri 10 parametri, però, non sono collegati al Paese di provenienza. Spesso la soddisfazione personale è presa come base per valutare il benessere socio-economico di una nazione, e quindi il livello di felicità percepita dai suoi cittadini. Tuttavia, sottolineano i ricercatori, se si considera questo come unico fattore il quadro è incompleto: molti altri indicatori di benessere interni a una nazione contribuiscono a renderci felici (o infelici).

La ricetta per farli "salire" è, conclude la ricerca, sanare le disuguaglianze sociali interne, aumentando il potere d'acquisto della popolazione. La capacità di vivere dignitosamente con ciò che si guadagna è una buona base per dirsi felici.

10 marzo 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us