Curiosità

Il letale pesce palla tra i banchi del supermercato

In Giappone è scattato ieri l'allarme per cinque confezioni contenenti le interiora dell'animale, ricche di tetrodotossine e vietate al commercio. Dopo una caccia a tappeto sono state rintracciate.

Alcune confezioni contenenti parti tossiche del fugu, il pesce palla - prelibatezza "pericolosa" della cucina nipponica - sono finite per errore sul banco del fresco di un supermercato di Gamagori, nella parte centrale dell'isola di Honshū, in Giappone. Dai pacchetti non era stato rimosso il fegato dell'animale, una parte in cui si concentrano le tetrodotossine, neurotossine più velenose del cianuro, che possono risultare letali per l'uomo.

Delizia per pochi. Il fugu è considerato una specialità per palati raffinati e allo stesso tempo una "roulette russa" per gli amanti del pesce. In Giappone, per servirlo bisogna seguire un corso di tre anni, in cui si imparano a gestire occhi, reni, ovaie, fegato, cistifellea e altre parti ad alto contenuto del veleno, in modo che non ne contaminino le carni. In natura, il pesce palla utilizza questi veleni per tenere alla larga i predatori.

Appena in tempo (o quasi). Il fegato del pesce palla piatto (Sphoeroides pachygaster) è stato lasciato erroneamente nelle confezioni dopo che il responsabile dei controlli di un supermercato locale lo aveva ritenuto "a tossicità non elevata" e quindi non pericoloso, per la salute dei consumatori.

La tossicità delle oltre 190 specie specie di pesce palla varia, ma per evitare casi di avvelenamento, la vendita di questa parte del corpo è vietata, nel Paese.

Quattro confezioni sono state localizzate e restituite intatte, la quinta... no: il consumatore ha riferito di averlo servito a tavola, ma fortunatamente nessuno, in famiglia, ha avuto problemi.

17 gennaio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us