Curiosità

I segreti per correre una maratona

Abbiamo incontrato Stefano Baldini, il trionfatore italiano alla Maratona di Atene del 2004. A lui abbiamo chiesto alcuni consigli per i nostri maratoneti focusiani.
(Carlo Dagradi, 12 aprile 2008)

Stefano, qual è la prima regola per diventare maratoneti?
«Non avere nessuna fretta: oggi la Maratona è una corsa estremamente “di moda” e tantissimi sono spinti a farla con entusiasmo. Questo è un fatto certamente positivo, perché correre fa davvero bene al corpo e alla mente. Ma non deve far dimenticare che l’approccio di chi, per la prima volta, si avvicina a questa esperienza deve essere del tutto privo di agonismo».

Quindi, conta molto il tempo che si dedica all’allenamento…
«Sì, anche e soprattutto in termini di qualità. Mentre ci si allena bisogna ascoltare al massimo il proprio corpo, senza chiedergli sforzi eccessivi. Sei mesi di allenamento, come quelli che proponete voi, sono davvero alla portata di tutti. Richiedono un certo impegno, senza dubbio, ma soprattutto vanno vissuti come un’esperienza gioiosa e senza “pretese”. L’obiettivo è arrivare al traguardo, ma arrivarci con la felicità e la preparazione che consente di godere al meglio di tutte le emozioni bellissime di New York».

Non è un caso che quella città abbia visto crescere una delle gare più belle al mondo…
«Già, soprattutto per la partecipazione straordinaria della gente. New York è ottima come prima maratona, e va fatta con lo spirito giusto. Se si arriva troppo provati al traguardo, o se si è troppo tesi durante gli allenamenti perché si vuole a tutti i costi avere un’altra prestazione, si rischia di non prendere il meglio da questo straordinario sport».

1 aprile 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us