I riti degli ultimi pagani

-

Alcuni partecipanti alla cerimonia del solstizio d’estate immersi, con le sole ghirlande di fiori rituali, in un lago della regione della Lagtalia, fra le più tradizionaliste della Lettonia, dopo avere offerto doni alla dea madre delle acque.Una seguace della religione pagana dievturiba raccoglie fiori da utilizzare per le ghirlande femminili di rito nella veglia per il solstizio d’estate (21 giugno), in un campo della Lagtalia, regione rurale della Lettonia sud-orientale.

Con una torcia un giovane segna l’inizio della cerimonia del solstizio.

La cena della vigilia. Un ricco pasto nella notte che precede il solstizio d’estate.

Quando mi sposerò? Il lancio rituale della ghirlanda sulla quercia predice l’anno delle nozze.

Vari strumenti accompagnano i canti davanti al fuoco sacro.

Dono alla dea delle acque. Durante la notte del 21 giugno viene inviata su una piccola zattera un’offerta a Upes mate, dea delle acque.

Una seguace della religione pagana dievturiba raccoglie fiori da utilizzare per le ghirlande femminili di rito nella veglia per il solstizio d’estate (21 giugno), in un campo della Lagtalia, regione rurale della Lettonia sud-orientale.

f Regine secondo natura. Tipica acconciatura per il rito del solstizio.

Con falce e devozione. Andris Kapustz con la falce usata per preparare il tempio pagano nella notte del solstizio estivo.

Giù per i campi. La ruota propiziatoria infuocata, simbolo solare.

Canti a Janis e al Sole.Un gruppo di donne esce da un bosco il 23 giugno, festa nazionale dedicata a san Giovanni (Janis), in realtà è festeggiato anche il dio Sole-Dievs.

Offerte alla pira. Al fuoco si offre anche una bevanda d’orzo, il kvass.

Il monumento alla religione pagana dievturiba presente nella capitale Riga.

La croce di Mara.Il simbolo della dea della nascita, della morte e del mondo materiale chiamata Mara.

Una partecipante alla cerimonia di Malpis con uno strumento a corda tradizionale.

Alcuni partecipanti alla cerimonia del solstizio d’estate immersi, con le sole ghirlande di fiori rituali, in un lago della regione della Lagtalia, fra le più tradizionaliste della Lettonia, dopo avere offerto doni alla dea madre delle acque.Una seguace della religione pagana dievturiba raccoglie fiori da utilizzare per le ghirlande femminili di rito nella veglia per il solstizio d’estate (21 giugno), in un campo della Lagtalia, regione rurale della Lettonia sud-orientale.