Curiosità

I linguaggi? In estinzione, come gli uccelli

I criteri per giudicare il pericolo d'estinzione si applicano anche alle migliaia di linguaggi della Terra, proprio come agli animali.

I linguaggi? In estinzione, come gli uccelli
I criteri per giudicare il pericolo d'estinzione si applicano anche alle migliaia di linguaggi della Terra, proprio come agli animali.

Nell'arcipelago di di Vanuatu, nel mezzo del Pacifico, ci sono ben 110 linguaggi diversi.
Nell'arcipelago di di Vanuatu, nel mezzo del Pacifico, ci sono ben 110 linguaggi diversi.

Applicare anche ai linguaggi gli stessi criteri degli uccelli e dei mammiferi in pericolo può portare a brutte sorprese. Se n'è accorto William Sutherland, dell'università del West Anglia, a Norwich, che ha preso i dati che riguardano i linguaggi della Terra e li ha messi a confronto con quelli degli uccelli.
È risultato che i linguaggi terrestri (oltre 6800) ricadono in categorie come “in pericolo critico” o “in pericolo” nel 15 per cento dei casi, mentre “solo” il 5,2 degli uccelli ricadono nelle stesse categorie. Per fare un esempio, dice Sutherland, ben 357 linguaggi sono parlati da meno di 50 persone.
Essendo un esperto di biodiversità, Sutherland ha anche calcolato la presenza di questi linguaggi sulla Terra, e la correlazione con la biodiversità. Anche qui i risultati sono stati sorprendenti: le nazioni con un'alta biodiversità di uccelli e mammiferi hanno anche un'elevata diversità di linguaggi.
Più lingue all'Equatore. Il numero di linguaggi per nazione aumentano con la presenza di foreste e l'altitudine massima, ma diminuiscono con la latitudine; ciò significa che la più alta diversità dei linguaggi è nelle aree tropicali forestate e montane.
Inoltre i paesi con il maggior numero di linguaggi estinti o in pericolo sono anche i paesi con il maggior numero di uccelli e mammiferi estinti o in pericolo d'estinzione. Ultimo, curioso, risultato; né il prodotto nazionale lordo, né il numero di televisori influenzano la presenza di linguaggi.

(Notizia aggiornata al 22 maggio 2003)

16 maggio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us