Curiosità

Harley Davidson dello tsunami finisce in un museo

Ben 25 milioni di tonnellate di rifiuti finirono in mare

di
Tra le migliaia di tonnellate di detriti strappati alla terra giapponese dallo tsunami dell'anno scorso c'era anche una Harley Davidson. Che è stata trovata ad aprile in Canada.

"La moto ha viaggiato per 5.000 chilometri nell'oceano"

Harley Tsunami -

onda di tsunami che seguì il terribile terremoto del Giappone

Un lungo viaggio - Incredibilmente, infatti, la moto è stata ritrovata. A quasi 5.000 chilometri di distanza, in Canada, sulle coste della British Columbia. Non è in buone condizioni, ma assolutamente riconoscibile grazie al numero di telaio non del tutto aggredito dalla ruggine. Harley Davidson, grazie a quel numero, è riuscita a risalire al proprietario, offrendogli di riportare la moto in Giappone. Ma Yokoyama ha rifiutato: ha perso tre membri della sua famiglia a causa dello tsunami e preferisce che la sua Harley diventi un monumento a futura memoria. Andrà, per questo, ad arricchire l'Harley Davidson Museum di Milwaukee, in eterno ricordo delle 15mila vittime del disastro giapponese.

Non è radioattiva - Va precisato, poi, che la moto non è radioattiva come in molti hanno temuto. E non lo sono neanche gli altri 25 milioni di tonnellate di rifiuti che galleggiano nel Pacifico in attesa di spiaggiarsi sulle coste di Stati Uniti o Canada. La fuoriuscita di radiazioni dalla centrale nucleare di Fukushima, infatti, è avvenuta dopo l'onda di tsunami e non durante. A causa dell'acqua che ha superato i muri di contenimento della centrale, infatti, il sistema di raffreddamento dei reattori è andato in tilt causando la fusione del nocciolo e l'emissione delle radiazioni. Quando tutto ciò è avvenuto, però, l'onda era già abbondantemente rientrata verso l'oceano con il suo carico di detriti che non hanno avuto il tempo di essere contaminati. (sp)

28 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us