Curiosità

Perché si dice "con le palle girate" e "rompere le scatole"?

Queste espressioni sono un lascito delle trincee della Grande guerra, ma nonostante affascinanti teorie, la loro origine non è ancora completamente accertata.

Sono molti i modi di dire ereditati dalle trincee della Prima guerra mondiale: si riteneva che uno di questi fosse l'espressione "con le palle girate". Secondo alcuni, infatti,  il modo di dire "palle girate" (o rovesciate) si rifaceva a un tipo di munizione da fucile realizzato artigianalmente. Si estraeva il proiettile dal bossolo e lo si rimontava capovolto: la traiettoria era molto meno stabile ma nei tiri ravvicinati la pallottola provocava ferite molto più estese.

Smentita. Si tratta di una spiegazione suggestiva, ma smentita dagli esperti per i quali i modi di dire sulle "palle" hanno un'origine fisica, anatomica, simbolica. Inoltre, la proceduta di "girare le pallottole" sarebbe pericolosa e quasi impossibile.

Rompete le scatole! Questo getta qualche dubbio anche su un'altra ricostruzione, quella secondo cui l'espressione "rottura di scatole" deriverebbe da una procedura che veniva messa in atto in battaglia sempre nelle trincee della Grande guerra: le scatole da rompere erano infatti quelle in cartone leggero e sigillate che contenevano i caricatori da sei proiettili del fucile mod. 91 in dotazione alle truppe italiane. Secondo questa teoria, il comandante esortava i soldati a "rompere le scatole" prima di un attacco.

29 ottobre 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us