Curiosità

Google, Doodle, Moog... le!

Logo per il papà del sintetizzatore.

di
Smettere e tornare al vero motivo per cui eri su Google non è stato facile, vero? Il Doodle ieri era un sintetizzatore perfettamente funzionante, con tanto di possibilità di registrare e condividere. Cosa avrebbe voluto di più Robert Moog per il suo 78esimo compleanno?

"Il sintetizzatore è giustamente riconosciuto come uno strumento a sé"

Il Google nascosto nel Doodle

Nuovo inizio per la musica - Lo strumento che si è impossessato ieri del logo di Google fu introdotto come sintetizzatore alla fine degli anni ’60. Ma è solo con l’album Switched-on Bach di Wendy Carlos nel 1968 che il primo synth arriva al grande pubblico. Quello che stupisce è soprattutto la dimensione: per la prima volta un sintetizzatore modulare diventa, più o meno, portatile. Era nato il minimoog! Da quel giorno, una sterminata serie di colonne sonore, effetti nei film, canzoni e interi stili musicali hanno preso vita e ottenuto successo. Un esempio? La colonna sonora composta da Vangelis per Blade Runner...

Non è mica facile - Fra mille tasti e manopole all’inizio ti sembra impossibile capire come funziona: ma il Minimoog nel suo campo è il perfetto riassunto di quello che è possibile ottenere con un sintetizzatore. All'inizio era in grado di generare una nota alla volta, e offriva meno variabili. Ora puoi ottenere praticamente tutti i suoni. Bisogna però saper utilizzare i vari filtri, e configurare insieme a oscillatori e all’inviluppo (ovvero la variazione della tensione nel tempo). Smanettandoci un po’, le distorsioni e manipolazioni generano combinazioni infinite.

Moog, fra passato e futuro - Quando Robert Moog iniziò a produrre il suo gioiellino, c’era ben poco di simile in commercio. Ora ci sono synth digitali, polifonici, con una memoria propria, e chi più ne ha più ne metta. La concorrenza inoltre mantiene il passo dignitosamente (già Vangelis in Blade Runner usò un prodotto Yamaha). All’epoca alcuni si chiesero se l’arrivo del sintetizzatore avrebbe soppiantato i normali strumenti. A quanto pare no, però ha di sicuro stravolto il mondo della musica, creando un ponte fra l'elettronica e l'acustica. Ma ora si è andati ancora oltre: puoi anche scaricare un paio di app per provare. Una delle più vantaggiose è Animoog (per iPad), gestita dall’azienda stessa dell’inventore, la Moog music, che vende il programma, ma anche altro, fra cui una riproduzione quasi fedele.

Ringraziamenti postumi- Peccato solo che Robert Moog purtroppo si sia spento nel 2005, a 71 anni, dopo una lunga malattia e non ha quindi potuto godere di quest’omaggio.

Intanto ormai è tardi anche per sfruttare ancora il Doodle in home... tu hai fatto in tempo a comporre qualcosa? Lo trovi ancora qui... (sp)

I 15 migliori Google Doodle italiani del 2011

24 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us