Gli scherzi della fotografia

L'ex presidente degli Stati Uniti, Bill Clinton, si burla dei fotografi e indossa gigantesche orecchie da coniglio. Un serioso signore sfoggia una capigliatura degna del più spavaldo dei punk. Nello zoo di Seattle vive un ippopotamo a due teste. Possibile? Ecco gli scherzi che può farvi la fotografia...

200471124350_520047112451_5200463019522_52004630185941_5200463019149_5200475125245_5200463019430_5200471124424_5200463019234_5200471124749_5200463019334_5200471124555_52004630185853_5200471124638_5Approfondimenti
200471124350_5

Capelli sbarazzini quelli di un giardiniere visto aggirarsi al Chealsea Flower Show, fiera internazionale di giardinaggio che si svolge ogni anno a Londra. Se fosse vero - e non fosse solo frutto di una sovrapposizione ottica - la capigliatura non potrebbe comunque gareggiare con quella di Tran Van Hay, un vecchietto vietnamita, classe 1931, che sostiene di avere i capelli più lunghi del suo paese e del mondo intero: misurerebbero 6,2 metri e non vedrebbero una forbice da 38 anni.

20047112451_5

Allo zoo di Seattle (U.S.A.) c'è un'attrazione irresistibile per i curiosi: questa coppia di gemelli siamesi conduce una vita del tutto normale, nutrendosi autonomamente, ma movendosi in una sola direzione.
Anche tra gli uomini questo fenomeno è possibile anche se raro.
Niente paura però: gli ippopotami della foto non sono affatto siamesi. Si tratta solo di un effetto ottico: i due animali si sono perfettamente sovrapposti allo scatto del fotografo…

200463019522_5

Non sono siamesi, come lascerebbe pensare la foto, e neppure gemelle, ma sono comunque inseparabili dal 1998 quando, all'età di quindici anni, hanno iniziato a gareggiare ad alti livelli e a vincere nel nuoto sincronizzato. Sono le russe Anastasia Ermakova e Anastasia Davydova, soprannominate anche "Le Anastasie", che formano un duetto che ha dominato la scena di questo sport negli ultimi tre anni e che rimane il grande favorito per le Olimpiadi 2004 di Atene. Alle Olimpiadi di Barcellona del 1992, la medaglia d'oro per i duetti fu vinta proprio da una coppia di gemelle americane, Karen e Sarah Josephon. Ovviamente non erano siamesi.

2004630185941_5

Il cane più lungo del mondo fa bella mostra nel corso di un'esibizione canina al Green Park di Londra: si chiama Tinuno ed è di razza Eurasier.

Non dite che alla lettura di questa notizia non avete fatto i vostri calcoli: possibile che un cane sia "così" lungo da superare la larghezza di un grosso tronco? Ebbene no: nella foto compare la coda di Tinu e il muso di Uno, due bei esemplari di Eurasier.
Il cane più piccolo del mondo risponde invece al nome di Tiny Pinocchio, uno Yorkshire che il 28 maggio 2003 misurava 20,3 centimetri. La sua crescita si è effettivamente fermata alle 8 settimane di vita: nonostante ciò il minuscolo cane gode di ottima salute.

200463019149_5

Perdere la testa per lo sport si può? Questo sembra essere successo alla ginnasta russa Olga Kapranova durante l'esecuzione di un esercizio di ginnastica ritmica nel corso del Grand Prix svoltosi a Minsk (Russia).
Concepita e proposta dallo svizzero Emilie Jacques Dalcroze nel 1911, questa forma di balletto si è trasformata in una vera e propria disciplina sportiva nel tempo: nel 1984 a Los Angeles è diventato uno sport olimpico.

200475125245_5

Un occhio miope e l'altro perfetto: Jacques Chirac ha escogitato un sistema perfetto per risolvere un difetto di vista solo parziale. Possibile? Questa volta l'"imbroglio" lo ha fatto uno strappo su un cartellone propagandistico apparso nel corso della campagna elettorale per le elezioni presidenziali di Francia del 1995: sotto a Chirac infatti fa capolino un altro politico francese (vedi l'ingrandimento qui sotto). Campagne pubblicitarie decisamente più divertenti e curiosi, le potete vedere nella fotogallery dedicata ai "Cartelloni pazzi"…

200463019430_5

Ne abbiamo viste di tutte le forme e colori: facce di pietra, facce di legno e addirittura facce di neve… Ora tocca alla pallavolista americana Cynthia Barboza essere trasformata dallo strano clic di una macchina fotografica in una faccia di gomma.

200471124424_5

Un Bill Clinton giovane e burlone è quello che appare nella foto: si è presentato così, con enormi orecchie da coniglio, alla Easter Egg Roll, la tradizionale scampagnata che centinaia di bambini fanno ogni anno in occasione del lunedì di Pasqua sul prato della Casa Bianca. Il gioco consiste nel far rotolare uova bollite e decorate sul giardinetto della più famosa casa del mondo: vince chi riesce a rotolare uova il più a lungo possibile senza romperle. In premio le orecchie da coniglio del Presidente? Nient'affatto, visto che la buffa mascherata è solo frutto di uno scatto truffaldino.

200463019234_5

La ginnasta Inna Zhukova ha appena lanciato il suo cerchio e, al posto del collo, eccole spuntare una flessuosa gamba… La ginnastica ritmica prevede un accompagnamento musicale e l'uso di piccoli attrezzi come palle, nastri, e cerchi: grazie alla naturalezza e alla scioltezza con cui vengono eseguiti i movimenti più complicati, questa disciplina si avvicina molto alla sfera della danza e rende sottilissimo il confine tra sport e arte. 

200471124749_5

Sembra quasi che stiano assistendo a due spettacoli diversi: le ultime file sono sorridenti e divertite, la prima è svagata e distratta. Il mistero è svelato da un'occhiata un po' più attenta: le ultime file in realtà sono disegnate alle spalle di una panchina su cui sostano affaticati due visitatori della 57esima edizione del Film Festival di Cannes.

200463019334_5

Il duetto cubano di nuoto sincronizzato composto da Kenia Perez e Yamisleidys Romay è pronto a tuffarsi in acqua durante una sessione di allenamento alle Olimpiadi del 2000 di Sidney. Questa disciplina è diventata olimpica a partire dai Giochi di Los Angeles nel 1984, anche se in America si eseguivano i primi balletti acquatici fin dagli anni Trenta.
Esther Williams, l'attrice divenuta famosa a Hollywood per le sue acrobazie anfibie, ha contribuito alla fama di questo sport: lei stessa si era qualificata come nuotatrice della squadra americana per l'edizione dei Giochi del 1940 che non furono disputati a causa della seconda guerra mondiale.

200471124555_5

La copertina di questo libro sembra animarsi, ma non è il viso del lettore quello che si vede: così è stato fermato uno scorcio di vita metropolitana a bordo del cosiddetto "bullet train", il treno-proiettile giapponese. Si tratta del primo treno ad alta velocità, che ha iniziato il suo servizio nel 1964 e ha fatto registrare una velocità massima di 443 km/h.
In città densamente popolate come quelle giapponesi è diventato vitale l'uso da parte dei cittadini dei mezzi pubblici: la metropolitana di Tokyo (Giappone), per esempio, trasporta una media di 7 milioni di passeggeri al giorno. Per scoprire, però, qual è la metropolitana più affollata del mondo entrate "Tutti nel tunnel"…

2004630185853_5

Un clown vestito da tennista quello che si cimenta nella foto? Non ci cascate: a ingannarvi è questa foto di Monica Seles, la tennista americana, che risponde al servizio di un'avversaria.
Il servizio più veloce del mondo è quello del tennista americano Andy Roddik che lo scorso aprile, con una palla a 244,6 km/h, ha battuto il precedente record del britannico Greg Rusedski: questi era entrato nel Guinness dei Primati con una palla servita a 239, 8 Km/h.
Servizi veloci, ma ancora troppo lenti rispetto alla Ferrari di Michael Schumacher che a Monza, nel Gran Premio del 2003, ha stabilito il record di velocità in gara: 368.800 km/h.

200471124638_5

Sta davvero giocando col fuoco questa ragazzina che porge il dito al predatore più pericoloso degli oceani? Non rischia nulla in realtà visto che in questo caso lo squalo è ben chiuso nella vasca dell'acquario che lo ospita. Un'illusione ottica dunque.

Capelli sbarazzini quelli di un giardiniere visto aggirarsi al Chealsea Flower Show, fiera internazionale di giardinaggio che si svolge ogni anno a Londra. Se fosse vero - e non fosse solo frutto di una sovrapposizione ottica - la capigliatura non potrebbe comunque gareggiare con quella di Tran Van Hay, un vecchietto vietnamita, classe 1931, che sostiene di avere i capelli più lunghi del suo paese e del mondo intero: misurerebbero 6,2 metri e non vedrebbero una forbice da 38 anni.