Giro del mondo tra tesori dimenticati

Fuori dai comuni itinerari turistici si trovano luoghi che rappresentano importanti patrimoni, musei che espongono collezioni antichissime o semplicemente originali e curiose. Ecco come iniziare uno splendido viaggio con le immagini e con la mente.

rtr1sliortr4sinaroyal_tyrrell_museum_of_palaeontologybronzi_di_riace_statua_abrtxnknzh_5.00364123goguryeo_tomb_muraljam_qasr_zarafshanbog_museo_del_orochicagoh_9.03592517unusualmuseumsspostal214pacificApprofondimenti
rtr1slio

Monastero di Solovki (Russia)
Situato sulle omonime isole, questo monastero è una fortezza cristiana costruita nel 1436 per volere del monaco Zosima. Sconsacrato con l'avvento del regime sovietico, tra il 1926 e il 1939, a causa della sua posizione marginale e strategica, fu utilizzato come campo di prigionia e di lavoro all'interno del sistema del Gulag. Oggi è un museo storico e architettonico ed è uno dei primi siti in Russia a essere stati inclusi nel patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, pur non essendo una comune meta turistica per via della sua posizione geografica (all'estremo nord della Russia europea). Oggi ospita una decina di monaci.

rtr4sina

Museo Nazionale Iracheno (Baghdad)
Dopo i saccheggi iniziati nel 2003, il Museo nazionale di Baghdad ha chiuso i battenti per dodici anni. Ha riaperto soltanto il 1 marzo di quest'anno. Dei 15000 reperti danneggiati o trafugati allo scoppiare della guerra, soltanto 4300 sono stati recuperati. Il museo, fondato nel 1923 da re Feisal I, nel 1926 fu ampliato per iniziativa della scrittrice britannica Gertrude Bell. Ancora oggi raccoglie alcune delle collezioni più importanti al mondo, che documentano tutte le epoche storiche della Mesopotamia, con reperti risalenti fino a 7000 anni fa. La direttrice generale dell'Unesco Irina Bokova ha espresso la sua soddisfazione per la riapertura, dicendo che il museo è il simbolo della "difesa dall'intolleranza, dall'ignoranza e dalla violenza perpetrate contro la storia di una nazione e lo scambio tra culture". L'Italia e il Giappone hanno contribuito alla restaurazione del laboratorio e alla formazione di personale specializzato

royal_tyrrell_museum_of_palaeontology

Royal Tyrell Museum of Palaeontology (Canada)
Nonostante le sue bellezze naturali, lo stato canadese dell'Alberta non è una delle mete più ambite dai turisti europei. Proprio qui, non lontano da Calgary, si trova uno dei musei di paleontologia più importanti al mondo. Il museo si trova all'interno del Dinosaur Provincial Park, uno dei luoghi più ricchi di fossili di dinosauri sulla Terra, ed è per questo che la sua collezione è così vasta. Il museo mette a disposizione molte attività creative ed educative per bambini e adulti.

bronzi_di_riace_statua_ab

Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria
È solo al 39 posto nella lista dei musei più visitati in Italia (196 mila visitatori l'anno) secondo The Art Newspaper, ma possiede una delle più importanti testimonianze sulla Magna Grecia. La sala più battuta del museo è quella dei Bronzi di Riace, in cui i visitatori possono entrare a gruppi di massimo 20 persone alla volta e per soli 20 minuti. La temperatura della sala deve essere costantemente controllata per evitare il danneggiamento delle statue.

rtxnknz

Monastero di Santa Caterina (Egitto)
Il monastero di Santa Caterina si trova nella regione del Sinai, ai piedi del monte Horeb dove secondo la Bibbia Mosè ricevette i dieci comandamenti. Fu edificato nel VI secolo e si tratta del più antico monastero cristiano esistente. La sua struttura è un gioiello dell'architettura bizantina e ospita importanti collezioni di manoscritti e icone risalenti all'inizio del Cristianesimo. Purtroppo dal 2013 questo luogo, considerato sacro da cristiani, ebrei e musulmani, è chiuso al pubblico per timore di attacchi terroristici.

h_5.00364123

Museo degli strumenti musicali di Milano
Molti dei milanesi devono ammetterlo: non ci sono mai stati, eppure è dietro l'angolo. Il museo degli strumenti musicali di Milano vale una visita, ma è spesso ignorato. Contiene una ricca collezione di strumenti nuovi e antichi, dal XV secolo ai giorni nostri.

goguryeo_tomb_mural

Complesso di tombe di Goguryeo (Corea del Nord)
Questo luogo è decisamente poco raggiungibile dai turisti stranieri, ma fa parte del Patrimonio mondiale dell'Umanità dal 2004. Si trova nella Corea del Nord e si tratta di una delle testimonianze più importanti del regno di Goguryeo, che si sviluppò tra l'attuale Corea del Nord e la Manciuria tra il 37 a.C. e il VII secolo d.C. Consiste in 30 tombe, probabilmente destinate a re, regine e altri membri della famiglia reale, all'interno delle quali sono state ritrovate bellissime e coloratissime pitture rupestri.

jam_qasr_zarafshan

Minareto di Jam (Afghanistan)
Il minareto di Jam si trova in un'area praticamente irraggiungibile dell'Afghanistan occidentale, a circa 215 km da Herat. Dal 2013 fa parte della lista dell'Unesco dei patrimoni in pericolo, perché è fortemente minacciato dall'erosione. È alto 65 metri, ha una base ottagonale del diametro di 9 metri e risale al XII secolo. Fu costruito per volere del sultano Ghiyas-od-din della dinastia dei Ghuridi e probabilmente segnava il luogo dove sorgeva l'antica città di Firuzkuh. La sua architettura e le sue decorazioni quasi intatte sono una delle poche testimonianze dello stile tradizionale dell'epoca in quella regione.

bog_museo_del_oro

Museo dell'Oro di Bogotà (Colombia)
Il Museo del Oro di Bogotà raccoglie la più importante collezione di arte orafa precolombiana. Fu fondato nel 1939 dal Banco della Repubblica di Colombia, quando acquisì un recipiente d'oro preziosissimo (il Poporo Quimbaya) ma soltanto nel 1959 aprì le porte al pubblico. Attraverso la storia dell'oro il museo racconta la cultura delle culture preispaniche vissute nell'area colombiana.

chicago

Oriental Institute Museum, Chicago
L'Oriental Institute e il suo museo fanno parte dell'Università di Chicago. La parte espositiva fu fondata nel 1919, ma aperto al pubblico soltanto nel 1931, e oggi rappresenta uno dei luoghi più importanti nella ricerca sulla storia antica del Medio Oriente. Qui si possono trovare collezioni permanenti di antichi oggetti provenienti da Egitto, Nubia, Persia, Mesopotamia, Siria, Anatolia e Megiddo raccolti nell'area mediorientale durante ripetute spedizioni archeologiche tra gli anni 1920 e 1940.

h_9.03592517

Museo della contraffazione, Parigi
Questo museo, fondato nel 1851 dall'Union des Fabricants, è decisamente fuori dai classici itinerari parigini. Si tratta di un luogo intimo e insolito, che in cinque sale raccoglie oltre 500 pezzi contraffatti suddivisi per categoria dai più lussuosi agli oggetti di uso quotidiano. Se capitate a Parigi, non fatevi intimorire dalla porta chiusa dell'ingresso. In orario di apertura basterà suonare il campanello e qualcuno, promettono, vi aprirà.

unusualmuseumsspostal2

Museo della Posta di Praga (Repubblica Ceca)
Non sarà l'unico museo al mondo a possedere una collezione relativa alla storia della posta, ma è certamente l'unico a essere ospitato tra le mura dell'antica abitazione di un mugnaio. Il museo è circondato dai murales del pittore Joseph Navratil risalenti al 1847 e vi sono esposti francobolli e vecchie e nuove tecnologie di distribuzione, alcune delle quali risalenti al 1500.

14

Miniera di Naica (Messico)
La Grotta dei Cristalli di Naica fu scoperta nel 2002 all'interno dell'omonima miniera. Quelli che vedete nella foto sono enormi cristalli di selenite, alcuni dei quali raggiungono i 10 metri di lunghezza. A causa delle condizioni estreme all'interno della grotta (48°C e umidità del 100%) le spedizioni al suo interno sono rare e generalmente molto brevi.

pacific

Pacific Tsunami Museum, Hilo (Hawaii)
Questo museo è stato aperto nel 1998 allo scopo di educare la popolazione delle Hawaii e del mondo sugli tsunami. Rappresenta inoltre un luogo di memoria per le famiglie che hanno perso i loro cari in questo tipo di eventi. Il Pacifico è infatti il luogo più colpito e gli tsunami hanno ucciso più persone nelle Hawaii di qualsiasi altro disastro naturale. Nel museo si trova una mostra che approfondisce la dinamica del fenomeno, le testimonianze dei sopravvissuti, la sua storia nel Pacifico e le misure di sicurezza da mettere in atto in caso di tsunami.

Monastero di Solovki (Russia)
Situato sulle omonime isole, questo monastero è una fortezza cristiana costruita nel 1436 per volere del monaco Zosima. Sconsacrato con l'avvento del regime sovietico, tra il 1926 e il 1939, a causa della sua posizione marginale e strategica, fu utilizzato come campo di prigionia e di lavoro all'interno del sistema del Gulag. Oggi è un museo storico e architettonico ed è uno dei primi siti in Russia a essere stati inclusi nel patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, pur non essendo una comune meta turistica per via della sua posizione geografica (all'estremo nord della Russia europea). Oggi ospita una decina di monaci.