Curiosità

A Lodi la fotografia è etica

Tra le sezioni del Festival della Fotografia Etica di Lodi anche quella con mostre che testimoniano il lavoro umanitario delle ONG, come “cash for work” di COOPI e ECHO nei Territori occupati palestinesi. Inoltre, videoproiezioni, incontri e dibattiti.

Il festival della fotografia etica di Lodi
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Scegliere la fotografia per riflettere sull'etica, oggi. È il filo conduttore del Festival della Fotografia Etica, a Lodi dal giovedì 17 ottobre a domenica 20 ottobre, in piazza della Vittoria (le principali mostre sono aperte anche il 25 e 26 ottobre).

Oltre alle mostre fotografiche, il Festival propone al pubblico videoproiezioni, incontri e dibattiti con gli autori dei reportages ed esperti del settore. Quattro giorni

(ingesso 5 euro) per capire il mondo attraverso gli scatti di fotografi italiani e interazionali su realtà lontane, spesso martoriate da anni di guerre e occupazioni, in cinque sezioni distinte ma tutte di grande impatto.

Il lavoro umanitario delle ONG
Non è un caso, infatti che il Festival offra un'ampia sezione dedicata alle immagini di fotoreporter che testimoniano l’attività di ONG internazionali in territori dove ogni giorno la sopravvivenza è una conquista.
Come la mostra in anteprima italiana Work for Hope di Alessandro Gandolfi, fotoreporter di Parallelozero, che racconta il progetto umanitario di “cash for work” (viene offerto del lavoro a termine alle famiglie più in difficoltà) portato avanti dal 2002 da COOPI e finanziato da ECHO (Commissione Europea) nei territori palestinesi occupati da Israele (Striscia di Gaza, Cisgiordania e Gerusalemme Est).

Questa mostra è allestita all'interno di una tenda realizzata dalle donne palestinesi che hanno beneficiato del progetto “cash for work” e per il quale Gandolfi ha realizzato anche un lavoro multimediale con la visita virtuale dei villaggi e video-testimonianze.

Un lavoro per la speranza
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Delle altre mostre che testimoniano il lavoro umanitario dell ONG, segnaliamo "Off the Wall" di Giovanni Diffidenti che con i suoi scatti documenta la primavera araba del febbraio 2011 e prosegue all’insediamento del Governo di Liberazione. E ancora, "I segreti della scatola magica - fotografie per l'Acqua" dove Elena Givone ha fotografato nel deserto del Mali i bambini che vanno alla ricerca del pozzo dove attingere l'acqua per il villaggio (di cui si occupa Alì 2000 onlus), o come "Nuestros Pequenos Hermanosquelle", dove Albertina D’Urso ci mostra le case della Fondazione Francesca Rava che accolgono i ragazzi orfani di Paesi dell’America Latina.

L'Africa di Brent Stirton
C'è poi lo "Spazio approfondimento" del festival che ospita altre tre mostre: "Fever - The awakening of European Fascism" con la quale Paolo Marchetti mostra un sentimento forte e pericoloso come la rabbia indagando sul neofascismo in Europa, "The violation of Eden", dove il fotografo sudafricano Brent Stirton racconta come l'uomo-predatore distrugga la natura e gli animali (rinoceronti, elefanti e gorilla) della sua Africa, e infine "Amazonas" dove il danese Mads Nissen ci propone i suoi viaggi nella foresta amazzonica.

Visione della follia
Molto particolare è la sezione tematica dedicata alla malattia mentale: sguardi di sofferenza ma anche di speranza di uomini e donne africane nel reportage di Robin Hammond ("Condemned" – Mental Health in African Countries in Crisis) e poi la follia nascosta di Trieste, la città italiana dove Franco Basaglia ha lottato contro i manicomi, nei ritratti di Carlo Gianferro ("Trieste: storie a parte").

Sguardi d'autore made in Italy
E ancora, nella sezione "Sguardo italiano sul mondo", i reportages sociali di quattro fotografi italiani. Pierpaolo Mittica, con "Fukushima No-Go Zone”, svela la zona vietata dal governo Giapponese dopo lo Tsunami del 2011; Gianluca Panella, con “Caliber 3: Counter terrorism training family”, mostra un centro di Training, in Israele, dove fin da bambini si impara a sparare e a lottare per difendersi dai terroristi; Mauro Prandelli, con "Evros porta d’oriente. Un muro contro l’immigrazione”, racconta il dramma dei migranti che dalla Turchia, ogni giorno, si affidano a trafficanti d'uomini per attraversare il fiume Evros ed entrare in Grecia sperando in una vita migliore.

Un altro italiano, Fabio Bucciarelli, è infine nella sezione World Report Award del Festiva, in quanto vincitore del premio insieme alla collega Liz Hingley.

Per info: www.festivaldellafotografiaetica.it

17 ottobre 2013 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 31,90€
Follow us