Curiosità

Ecco come Van Gogh si mutilò l'orecchio

Una ferita assai più grave di quel che si pensava, come documenta il disegno da poco ritrovato del medico che curò il pittore.

La sera del 23 dicembre 1888, ad Arles, Vincent Van Gogh si tagliò un orecchio con un rasoio, lo avvolse in un foglio di giornale e lo fece recapitare a una donna, forse una prostituta. Era stato un gesto di rabbia, di disperazione (per che cosa?), l’esito di un litigio con l’amico pittore Paul Gauguin? Nel corso degli anni le teorie sono state le più disparate.

Si è sempre pensato però che la mutilazione fosse stata tutto sommato piccola, e che avesse riguardato solo un pezzetto del lobo sinistro. Ora

emerge da un nuovo documento che si sarebbe trattato in realtà di una ferita ben più grave: il pittore si sarebbe asportato quasi l’intero padiglione sinistro. Un gesto di violento autolesionismo che precedette il suicidio, avvenuto due anni dopo.

Lo schizzo disegnato nel 1930 da Félix Rey, il medico che curò Van Gogh. © The Bancroft Library, University of California a Berkeley

Disegno rivelatore. Il documento è uno schizzo fatto dal dottore che medicò la ferita di Van Gogh all’ospedale di Arles, Felix Réy, ritrovato tra le carte negli archivi dello scrittore Irving Stone, che ha scritto la famosa biografia di Van Gogh Brama di vivere.

Per documentarsi sulla vita del pittore, Stone si era recato ad Arles nel 1930, e aveva anche fatto visita al medico che l’aveva curato, chiedendogli di illustrargli come gli era apparso il danno all'orecchio.

Nello schizzo, datato 18 agosto 1930, si vede chiaramente che il taglio riguarda gran parte del padiglione. Il disegno è esposto in una mostra al museo Van Gogh di Amsterdam, On The Verge of Insanity, dedicata alla follia dell’artista.

La donna misteriosa. A riscoprirlo è stata una appassionata di Van Gogh, Bernadette Murphy, che alla storia dell’orecchio del pittore ha dedicato un libro. In esso Murphy sostiene anche che la donna cui Van Gogh avrebbe portato l’orecchio nel cuore della notte non fosse una prostituta di nome Rachel, come si è sempre detto, ma una cameriera diciannovenne il cui nome era Gabrielle.

Vedi anche

26 luglio 2016 Chiara Palmerini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us