Curiosità

Dormire? Meglio che allenarsi

Chi dorme... piglia pesci. Dormire bene, e in particolare dormire a lungo al mattino, permette di ottenere migliori prestazioni nei campi in cui è richiesta una efficiente coordinazione motoria....

Dormire? Meglio che allenarsi
Chi dorme... piglia pesci. Dormire bene, e in particolare dormire a lungo al mattino, permette di ottenere migliori prestazioni nei campi in cui è richiesta una efficiente coordinazione motoria. Attenzione, però: tutto dipende dalla qualità del sonno.

Un breve pisolino è l'ideale per rendere al meglio.
Un breve pisolino è l'ideale per rendere al meglio.

Dormire bene, e in particolare dormire a lungo al mattino, permette ottenere migliori prestazioni nei campi in cui è richiesta una efficiente coordinazione motoria. La conferma arriva dalla Harvard medical school, che ha effettuato un test su un gruppo di persone che dovevano scrivere una sequenza di parole sulla tastiera di un computer. I risultati migliori sono stati ottenuti dal gruppo che ha potuto dormire tra il momento di apprendimento e quello della verifica.
Il riposo non c'entra. Il buon risultato però dipende dalla qualità del sonno: è direttamente proporzionale alla durata dello Stadio 2, un periodo di sonno non Rem che si riduce se ci si alza molto presto al mattino.
Questo effetto benefico spiegherebbe anche il motivo per cui un danzatore che non riesce a effettuare una prestazione particolarmente difficile, o un pianista che continua a sbagliare un passaggio veloce sulla tastiera del pianoforte, riescono invece a risolvere facilmente il problema dopo una bella dormita.

(Notizia aggiornata al 4 settembre 2002)

4 luglio 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us