Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Che differenza c'è tra cornetto, brioche e croissant?

Cornetto, brioche e croissant: in Italia li usiamo spesso come sinonimi, ma in realtà... non sono la stessa cosa: è arrivato il momento di fare un po' di ordine!

Mettere d'accordo tutti gli italiani su cosa sia una brioche, cosa un croissant e cosa un cornetto forse non sarà mai possibile: dal nord al sud del Paese, infatti, con questi nomi si intendono dolci differenti, che come tratto comune hanno solo quello di essere ottimi a colazione.

Ricetta alla mano... Secondo la storica rivista La cucina italiana, però, si può fare un po' d'ordine almeno dal punto di vista del ricettario. La brioche (che al nord è più o meno tutto quello che si può tuffare nel cappuccino) è un dolce preparato con molto burro, poi farina, zucchero, uova, lievito, acqua e strutto. Soffice e gonfia, di solito le viene data una forma tondeggiante, con un pallino di pasta in cima: un esempio tipico è la brioche siciliana, che viene servita vuota ma accompagnata da granita o da gelato.

Questo non impedisce che in altre parti d'Italia la si possa farcire di creme, cioccolato e confetture... e magari di darle la forma di una mezzaluna.

Senza uova! Il cornetto però è un'altra cosa: deriva da un dolce viennese, il kipfel, e pare sia arrivato in Italia nel 1683 grazie ai commerci con Venezia. Si prepara con farina, latte, uova, zucchero, sale, burro, lievito e si può farcire oppure no. La forma è quella suggerita dal nome. Infine, il croissant. Anche lui deriva dal kipfel viennese, ma nasce solo nel 1838, a Parigi. La differenza dal cornetto è che nella ricetta non ci sono uova (se non un po' di albume spennella- to per lucidarne la superficie) e che la dose di zucchero è minore. Questo lo rende più leggero e con un sapore più neutro, adatto anche per essere accostato a salumi e formaggi.

Questo articolo è tratto da Focus D&R (gennaio 2020), disponibile solo in formato digitale. 

4 luglio 2021
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us