Curiosità

Dieci anni di carcere per il furto di un Nokia Vertu

10 anni di carcere per averlo rubato!

di
In Cina basta rubare un cellulare per finire in carcere per dieci anni e dover pagare una multa salatissima. Soprattutto se il telefono in questione è il costoso Nokia Vertu del tuo capo.

"I prezzi sono assurdi, soprattutto in un paese dove il reddito pro capite è di circa 6.000 euro"

Il telefono sbagliato

Errori di valutazione - La donna, una semplice governante del ricco proprietario del cellulare, ha affermato di non conoscere il valore avesse l’oggetto che stava rubando, e di averlo "fregato" come risarcimento per i mancati stipendi. Per di più, stando alle parole della Yun, dopo aver sistemato le cose, lo voleva anche restituire.
Peccato si trattasse di un cellulare da quasi 8.000 euro visto che è realizzato in oro tempestato di diamanti. La storia, pubblicata dal “People’s Daily Online”, è avvenuta nella provincia di Henan, ma è andata ben oltre. Ora gli avvocati fanno a lotta per difenderla.

In cerca di soluzioni - Nokia le sta provando tutte per star dietro agli altri smartphone, e l’alternativa di lusso ha riscosso pareri altalenanti, con apprezzamenti - sembra - solo dal target che può concedersi questi sfizi. Mentre iPhone, Android e lo stesso Nokia Lumia puntano su qualità e tecnologia, i Vertu si caratterizzano per i particolari lussuriosi.

Era meglio lasciar perdere... - È la domanda che si fa adesso la cinese Yu che non solo rischia di non percepire gli stipendi arretrati, ma anche di finire completamente senza soldi (e dietro le sbarre). (sp)

I 10 cellulari che hanno fatto la storia

3 luglio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us