Curiosità

Da quando Giuda è diventato il traditore per antonomasia?

Il tradimento di Giuda è un mito che nasce nel Medioevo, epoca in cui la sua vicenda ha riscosso successo come monito, a causa del dilagare delle eresie.

Il nome di Giuda, molto usato nel Medioevo, in ebraico significa "lodato", anche se può sembrare paradossale, per l'uomo diventato simbolo dell'infamia per eccellenza. Nei Vangeli, su Giuda, ci sono poche notizie. Giovanni scrive che "era figlio di Simone" (Gv 6: 71) e che tra i Dodici apostoli svolgeva non troppo onestamente il suo ruolo di tesoriere (Gv 12: 6). Senza aggiungere altro.

Fama universale. Eppure la sua vicenda nel Medioevo ha avuto un successo travolgente ed è stata raffigurata centinaia di volte. Una delle rappresentazioni più famose probabilmente è quella fatta da Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, all'inizio del '300. Ma non è l'unica: è in buona compagnia con il Ciclo della passione di Lorenzetti ad Assisi o con il Bacio di Giuda di Cimabue e di Beato Angelico.

Cappella degli scrovegni - Giuda
Il bacio di Giuda nell'affreschi di Giotto che decorano la Cappella degli Scrovegni di Padova. © spatuletail / Shutterstock

Monito. Il perché di questo proliferare di immagini è chiaro: il richiamo a Giuda aveva un valore simbolico enorme in un'epoca dominata dagli eretici. Ma non erano loro gli unici destinatari del messaggio morale legato a Giuda: il suo nome tornava per connotare i nemici della fede, gli infedeli: ottomani o saraceni, genericamente islamici.

Tutta colpa di Dante. Non è un caso, infatti, se nel Canto XVIII dell'Inferno Dante descrive Maometto squarciato e storpiato proprio come Giuda viene rappresentato negli Atti degli Apostoli. Ed è proprio Dante, fiorentino, che insieme a Giotto e Lorenzetti inchioda Giuda nel ruolo del traditore per antonomasia. Nel cuore del Medioevo compone la Divina Commedia e infila Giuda nella bocca centrale di Lucifero, accanto a Bruto e Cassio.

20 maggio 2024 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us