Come funzionano i foglietti che catturano i colori?

corbis-42-19037858
Chi ha inventato la lavatrice? - © Bilderbuch/Design Pics/Corbis

I foglietti che si mettono nella lavatrice insieme ai capi colorati per evitare che gli indumenti si macchino sono strisce di carta imbevute di una sostanza che cattura i residui di tintura. La formula esatta è segreta perché il marchio è registrato e la Punch Industries, azienda irlandese che nel 1995 ha lanciato sul mercato il Colour Catcher®, così si chiama l’Acchiappacolore® in inglese, non la divulga.
(Condividereste la lavatrice con i vostri vicini di casa?)

Riciclabili
Il meccanismo di funzionamento dei foglietti si basa comunque sull’interazione tra sostanze dotate di carica elettrica opposta: i coloranti tessili più comuni sono molecole con carica negativa, mentre il foglietto, costituito da fibra di origine cellulosica, è imbevuto di sali di ammonio, con carica positiva. Quando il colorante viene in contatto con il foglietto, vi aderisce. Il foglietto, da smaltire nei rifiuti cartacei della raccolta differenziata, è riciclabile e non rilascia alcun agente chimico nell’acqua.
(Ma lo sai quanto sei A++? - Scopri tutti i consigli "verdi" di focus.it)



07 Agosto 2012