Cultura

Come caricare la lavastoviglie? Te lo dice la scienza

Alcuni ricercatori britannici hanno indagato velocità e direzione dei getti d'acqua all'interno delle lavapiatti. Facendo crollare le (poche) certezze che avevamo sulla migliore disposizione delle stoviglie al loro interno.

I vostri battibecchi serali su chi sia il migliore a caricare la lavastoviglie stanno per finire. La risposta è chiara: nessuno dei due. Un nuovo (serissimo!) studio sul tema prova che la tecnica di disposizione dei piatti che quasi tutti seguiamo è in gran parte sbagliata.

In base alla più completa analisi sui meccanismi di circolazione dell'acqua in questo elettrodomestico, condotta dai chimici dell'Università di Birmingham (Inghilterra) e pubblicata sul Chemical Engineering Journal, i piatti vanno disposti in modo circolare intorno al cestino delle posate, e suddivisi in base al contenuto dei cibo che hanno ospitato.

La chimica della quotidianità. I ricercatori, guidati da Raul Pérez-Mohedano, hanno utilizzato una tecnica nota come monitoraggio delle emissioni di particelle di positroni (in inglese Positron Emission Particle Tracking, PEPT) per indagare, tramite isotopi radioattivi, velocità e direzione dei getti d'acqua che viaggiano all'interno di una lavastoviglie in uso.

Non uniformi. Hanno così trovato conferma di un fatto di cui tutti abbiamo avuto esperienza: anche se tutte le stoviglie vengono bagnate dall'acqua, i getti sono però localizzati in aree ben precise, e colpiscono con efficacia solo una parte ridotta dei piatti da lavare (qui sotto, un video girato con la GoPro mostra che cosa succede dentro a una lavastoviglie durante il lavaggio).

Tutto da rivedere. L'acqua impiega un decimo di secondo a investire le stoviglie, e lo fa seguendo getti circolari. La disposizione "rettangolare" dei piatti suggerita dalle griglie non è pertanto la più adatta: meglio optare per una collocazione concentrica dei piatti intorno al cestino delle posate, e secondo una logica ben precisa.

Dimmi cosa hai mangiato... Le stoviglie con residui collosi e incrostate di carboidrati (pasta al forno, patate) vanno sistemate tra i 30 e i 60 cm dall'alto, al centro dello scaffale superiore, appena sopra il braccio rotante: è qui che arrivano i getti più veloci e potenti, in grado di rimuovere i residui più difficili.

... e ti dirò dove metterlo. Le aree che si trovano più vicine ai bordi, a un'altezza compresa tra i 5 e i 20 centimetri, sono quelle investite dai getti più lenti, dove quindi il detergente ha più tempo per agire: meglio sistemarvi i piatti con residui proteici (uova, bistecche, formaggi), che hanno bisogno di più contatto con i detersivi, o le stoviglie delicate che si ha paura di rompere.

I piatti, idealmente, dovrebbero essere messi circolarmente, per ricevere meglio i getti d'acqqua. Quelli con resti di carboidrati (pasta e dolci) al centro, dove i getti d'acqua sono più forti; quelli con resti di proteine (carne) verso l'esterno, dove l'acqua viaggia più lentamente. Clicca sull'immagien per ingrandirla.

Non esagerare. È bene poi - ma lo sapevamo già - non sovraccaricare la lavastoviglie, per non formare, con i piatti, vere e proprie barriere che blocchino il regolare scorrimento dell'acqua. Gli autori dello studio stanno lavorando con alcune aziende specializzate per studiare una migliore distribuzione dei getti, o rivedere le griglie di distribuzione delle stoviglie in modo da ottimizzare il rendimento dei lavaggi.

15 gennaio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Ascesa e declino di Sparta, la polis greca che dominò il Peloponneso con la sua incredibile forza militare e un'organizzazione sociale che forgiava soldati e cittadini pronti a tutto. Perché Beethoven cambiò per sempre il mondo della musica; gli esordi dell'Aids, l'epidemia che segnò un'epoca.

ABBONATI A 29,90€
Questo numero di Focus è speciale perchè l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano ci ha affiancato per realizzare un giornale dedicato alle frontiere della scienza, dalla caccia agli esopianeti alla lotta contro il coronavirus fino agli organi stampati in 3d. Grazie Luca per i tuoi consigli e suggerimenti!
ABBONATI A 29,90€

Cosa posso comprare nel mondo con un euro? Perché i crackers hanno i buchi? Dove vanno i gatti quando spariscono da casa? Quanto può dormire un batterio? Correre una maratona fa ringiovanire? Con Focus D&R trovi più di 250 risposte rigorosamente scientifiche alle domande più curiose, divertenti e (anche) un po' folli che potresti mai immaginare.

 

 

ABBONATI A 14,90€
Follow us