Curiosità

Colpi di testa? Attenti al collo.

Colpire il pallone di testa alla lunga provoca danni al collo.

Colpi di testa? Attenti al collo.
Colpire il pallone di testa alla lunga provoca danni al collo.

Colpire di testa 'male' non fa bene al collo.
Colpire di testa "male" non fa bene al collo.

Che colpire il pallone di testa faccia mala, ormai lo sanno anche… i calciatori, i più colpiti da perdite di memoria, abbassamento delle capacità mentali e difficoltà di comprendonio.
Diverse ricerche, condotte negli scorsi anni negli Stati Uniti e tra i calciatori della serie A olandese, avrebbero infatti dimostrato che i forti colpitori di testa presentano una minore attenzione e una diminuzione della memoria verbale e visuale. I disturbi -simili a quelli dei pugili, ma molto lievi - sarebbero però di breve durata.
Una nuova ricerca però mette sul chi vive gli "arieti" del pallone: una squadra di ricercatori turchi dell'Università tecnologica del Medio Oriente ad Ankara ha evidenziato che i danni più pericolosi per chi colpisce di testa riguarderebbero il collo.
I rischi del mestiere. Hanno sottoposto 30 giocatori dilettanti a una risonanza magnetica cercando di misurare la flessibilità e la forza del collo. È emerso che i giocatori hanno colli meno flessibili, più "gioco" e danni ai dischi della colonna cervicale e una maggior compressione del midollo spinale. Tutte degenerazioni che si trovano soltanto in pazienti più anziani. Non provocano particolari dolori, ma potrebbero portare - se non tenute sotto controllo - a guai peggiori. I medici, per questo, consigliano esercizi correttivi e una migliore coordinazione nel colpire di testa: eviterebbe lesioni più gravi al collo.

(Notizia aggiornata al 23 febbraio 2004)

23 febbraio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us