Curiosità

Cinque cose (più una) che (forse) non sapevi su Gustave Eiffel

Cent'anni fa moriva Gustave Eiffel: alcune curiosità sul geniale costruttore della Tour Eiffel, personaggio simbolo della Belle Époque francese.

Gustave Eiffel, il re della Belle Époque, l'uomo che progettò il monumento simbolo di Parigi e della grandeur francese, la Tour Eiffel, non era un francese doc. E, per di più, a inizio carriera, non aveva alcuna intenzione di costruire grandi opere, ma "l'età del ferro" gli fece cambiare idea… Ecco qualche curiosità sull'ingegnere che voleva fare il chimico.

Gustave Eiffel era tedesco

Alexandre Gustave Bönickhausen, detto Eiffel, personaggio simbolo dell'architettura francese, in realtà era di origine tedesca. Suo nonno, originario di Marmagen (Renania Settentrionale-Vestfalia) si stabilì a Parigi a inizio secolo, ma ritenendo il proprio cognome troppo difficile da pronunciare in Francia, decise di cambiarlo in "Eiffel", dal nome delle montagne Eifel dove era nato. Alla nascita Gustave venne registrato ancora come Bönickhausen, ma cambiò il suo cognome definitivamente in Eiffel nel 1880.

Gustave Eiffel - Ritratto
Un ritratto dell'ingegnere Gustave Eiffel (1832-1923). © Shutterstock

Eiffel era specializzato in chimica

La fama di Gustave Eiffel è legata all'iconica Tour che si staglia nel cielo di Parigi, ma in realtà l'ingegnere inizialmente non aveva alcuna intenzione di occuparsi di "mega-strutture". Da giovane, infatti, dopo aver conseguito la laurea in ingegneria chimica nel 1855, era pronto a far carriera nell'azienda dello zio Jean-Baptiste Mollerat (inventore di un procedimento per estrarre aceto dal legno). Poi nel 1856 incontrò Charles Nepveu, imprenditore specializzato in costruzioni metalliche che gli prospettò un futuro nel campo dell'"architettura del ferro".

Un nuotatore coraggioso

Pochi anni prima di diventare famoso per la realizzazione della torre parigina, costruì altre strutture utilizzate ancora oggi: il Ponte Maria Pia sul Douro, a Oporto, in Portogallo (1877) e il Viadotto Garabit (1884), situato nel sud della Francia e usato per il trasporto ferroviario. Nel 1860 Eiffel, però, aveva realizzato il suo primo importante progetto: il ponte ferroviario Saint-Jean sulla Garonna (Bordeaux), in cui aveva dimostrato il suo talento nelle grandi opere nonché… nel nuoto. Si racconta infatti che durante i lavori Eiffel si gettò nel fiume per salvare un operaio caduto in acqua.

Tour Eiffel: un’opera criticata

L'apice della notorietà giunse nel 1889, quando in occasione dell'Esposizione universale di Parigi presentò al mondo la sua grandiosa Tour, una mega struttura in ferro di 324 metri, la più alta mai realizzata fino ad allora. La torre suscitò però sentimenti contrastanti, tra chi la considerava un capolavoro e chi la detestava, sostenendo che non servisse a nulla se non a ostentare la grandeur francese.

La torre delle spie

La Tour parigina invece si rivelò molto funzionale, sia come luogo sia di osservazione sia di trasmissione e intercettazione radiofonica.

Durante la Grande guerra, infatti, la conturbante spia Mata Hari fu smascherata dalla centrale di ascolto posta nella torre.

Gustave Eiffel e la Statua della Libertà

Un'ultima curiosità: tre anni prima che venisse eretta la Tour Eiffel, fu inaugurato a New York un altro monumento simbolo, frutto dell'ingegno di Gustave Eiffel: la Statua della Libertà. In questa scultura, realizzata da Frédéric Auguste Bartholdi, ex aiutante di campo di Garibaldi, Eiffel mise l'anima di ferro. Il governo francese la donò agli americani in segno di amicizia tra i due popoli, peccato che gli Usa dovessero finanziarne l'assemblaggio. Pagarono il piedistallo, ma per gli altri fondi dovettero aspettare il contributo dei ricchi newyorchesi. Così la sola mano con la torcia aspetto per sei anni, dal 1876 al 1882, esposta nel parco di Madison Square, finché il 28 ottobre 1886 l'intera statua venne collocata a Liberty Island.

27 dicembre 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us