Curiosità

Cattivissimi animali: quali sono i "mostri" più usati nel cinema?

Una zoologa ha stilato una classifica degli animali più utilizzati al cinema per spaventarci. Al primo posto c'è lo squalo, e poi insetti, rettili...

Squali, piovre o insetti giganti, scimmioni, dinosauri... Di animali cattivissimi che ci hanno spaventato (e divertito) al cinema ce ne sono stati tanti, e ce ne saranno altrettanti. Ma qual è il predatore più utilizzato nei blockbuster da paura di Hollywood? Se lo è chiesto Brianna Le Busque, zoologa - e cinefila - dell'Università del South Australia, che ha analizzato 680 pellicole del genere creature feature, cioè film horror con gli animali usati come "cattivi", prodotti negli ultimi 100 anni della storia del cinema. «Abbiamo così scoperto che gli squali appaiono un quinto delle volte, seguiti dal 19% di ragni e insetti, il 12% dei dinosauri, l'8% dei serpenti e il 6% dei coccodrilli», ha spiegato Le Busque sul Journal of Environmental Media. «Lupi, orsi, primati e piranha sono intorno al 3%, mentre piovre, ratti, grandi felini, orche, iene, lucertole, pipistrelli, uccelli e amebe appaiono nell'1-2% dei film».

Poveri squali. È evidente che questo genere di film pesca dalle nostre paure ancestrali, come quelle di ragni e serpenti, ma con una eccezione: gli squali. Prima de Lo Squalo di Steven Spielberg, del 1975, questi predatori marini erano infatti assenti nel cinema horror. «È solo l'enorme successo di quel film ad averli fatti diventare i cattivissimi per antonomasia. Certo che, averli presentati come una sorta di serial killer dei mari che, invece di nutrirsi di animali marini, non aspettano altro che fare banchetti di carne umana, non ha giovato molto alla protezione degli squali nel mondo reale». E dire che gli studi sono rassicuranti: agli squali bianchi non interessano gli umani.

Tratto dallo speciale Domande&Risposte ogni mese su Focus in edicola.

Perché non ti abboni?

29 aprile 2024 Alessandro Saragosa
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us