Curiosità

Ciclisti americani a rischio

Se un ciclista americano si mette in strada, rischia 20 volte di più di un tedesco. E gli italiani?

Ciclisti americani a rischio
Se un ciclista americano si mette in strada, rischia 20 volte di più di un tedesco. E gli italiani?

Dura la vita per i ciclisti americani. Non c'è solo il traffico, ma anche l'inquinamento da combattere.
Dura la vita per i ciclisti americani. Non c'è solo il traffico, ma anche l'inquinamento da combattere.

Se siete ciclisti o pedoni, meglio vivere in Germania o in Olanda che negli Stati Uniti. È questa la conclusione di uno studio pubblicato sull'American journal of public health (Rivista americana di salute pubblica). Per ogni chilometro percorso, i pedoni americani hanno 23 volte più probabilità di essere uccisi degli occupanti di un'automobile, mentre la probabilità per i ciclisti è 12 volte superiore. Il risultato positivo in termini di sicurezza stradale non deriva solo dalla civiltà o dall'inciviltà degli automobilisti, ma dal diverso approccio che hanno tedeschi e olandesi con la bicicletta.
Paradiso di ciclisti. Le strade per esempio hanno molte zone senza auto, attraversamenti molto evidenti, e piste ciclabili che connettono in una rete coordinata molte città. Uno degli autori dello studio, John Pucher dell'università Rutgers, dice che: «Il sistema di piste tedesche e olandesi ha funzioni pratiche, e serve per i trasferimenti di tutti i giorni; non è utile solo come luogo dove passare il tempo in bicicletta.» Nelle aree urbane ci sono spesso limiti di velocità, dossi artificiali e divieti di accesso ai camion che riescono a “calmare” il traffico nelle strade urbane. Se unito a tutto ciò ci sono anche leggi fatte rigidamente osservare, si capisce come mai Germania e Olanda siano un vero paradiso per i ciclisti.

(Notizia aggiornata al 3 settembre 2003)

29 agosto 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us