Che differenza c’è tra beato, santo e santissimo?

Nella Chiesa cattolica beato e santo sono due gradini successivi nel processo di canonizzazione. Dopo almeno 5 anni dalla morte di un personaggio “meritevole”, si apre un’istruttoria durante la...

2002716103147_16
|

Nella Chiesa cattolica beato e santo sono due gradini successivi nel processo di canonizzazione.
Dopo almeno 5 anni dalla morte di un personaggio “meritevole”, si apre un’istruttoria durante la quale inizia la raccolta delle prove a suo carico (virtù eroiche, fatti prodigiosi o altro).
Qualsiasi individuo o istituto riconosciuto dall’autorità ecclesiastica può chiedere di avviare la pratica. L’incartamento, con le prove, passa quindi alla Congregazione delle cause dei santi. Per procedere alla beatificazione si deve dimostrare l’avvenuta manifestazione di un miracolo. A questo lavora una consulta medica laica e un gruppo di teologi.
La decisione definitiva spetta comunque al Papa, che permette il culto del beato limitato a una zona geografica.
Per essere “promosso” a santo, il beato (a eccezione dei martiri) deve compiere un ulteriore miracolo dopo la beatificazione. A differenza dei primi due appellativi, santissimo non si riferisce mai agli uomini, ma solo a Dio.

 

28 giugno 2002