Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Ci sono carrelli della spesa che ti fanno risparmiare?

I carrelli della spesa tradizionali possono farci spendere di meno perché, per spingerli, dobbiamo usare i muscoli del rifiuto...

I carrelli della spesa dei supermercati non sono tutti uguali, e non è solo questione di "più grandi" o "più piccoli": ce ne sono alcuni che - grandi o piccoli - riescono a farci spendere un po' di meno sulla spesa! Lo ha dimostrato un team di ricercatori della City University di Londra mettendo a confronto i carrelli classici a spinta, quelli che manovriamo con un maniglione orizzontale unico, con altri che erano stati modificati per essere manovrati tramite due maniglie parallele laterali al carrello.

Alla larga dagli scaffali inutili. L'ipotesi dei ricercatori era che dovendo per forza manovrare con le mani i nuovi carrelli, queste fossero tenute più facilmente lontane dagli scaffali allestiti, per questioni di marketing, in base a diverse strategie che servono a farci comprare cose che in realtà in quel momento non ci servirebbero.

Errore... I dati hanno mostrato che con i carrelli "standard" si spende fino al 25 per cento in meno perché, per muoverli, attiviamo i tricipiti, che sono i muscoli che usiamo anche per spingere o scacciare qualcosa via da noi, e che quindi il cervello interpreta come muscoli del rifiuto, con il risultato che ci mettiamo nello stato d'animo di trattenerci da acquisti superflui.

I muscoli dello shopping. Con i carrelli a maniglie parallele e ancor più con quelli a traino dobbiamo invece usare i bicipiti, muscoli che servono per tirare o tenere qualcosa stretto a noi, quindi per avvicinare ciò che ci piace: gli autori dello studio li hanno poi ribattezzati muscoli dello shopping - quando li attiviamo, la voglia di comprare cresce in maniera irresistibile. E solo arrivati alla cassa, forse, ce ne rendiamo conto.

4 marzo 2022 Elena Meli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us