Curiosità

Body Worlds: i cadaveri plastificati

Torna a Roma la più discussa mostra di anatomie al mondo: cadaveri lavorati con speciali tecniche sono esposti ai visitatori in una particolare e disarmante nudità.

Ne abbiamo parlato in diverse occasioni, l'ultima volta a inizio del 2014 in occasione dell'edizione bolognese della mostra (vedi sotto, in questa pagina): sono resti umani, cadaveri, in mostra dopo un lungo trattamento detto di plastinazione.

Body Worlds: Roma, ottobre 2014
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Quale parte di noi? La meccanica dell'uomo è quella che Body Worlds rivela, quella che in modo meno drammatico si vede illustrata nelle tavole di anatomia e che in modo probabilmente più scioccante conoscerà qualunque studente di medicina, prima o poi nel suo percorso di studi. Tutti ottimi motivi per apprezzare l'esposizione meccanica dei body worlds, con curiosità, con stupore, forse qualcuno con morbosa determinazione.

Perché non è una mostra qualunque e non si può fingere che non ci sia differenza tra questi resti umani disposti in pose plastiche e altre rappresentazioni dell'uomo.

Una mostra che divide. Le reazioni che sempre suscita l'esposizione rinnovata e arricchita di nuovi pezzi, ovunque nel mondo sia allestita, riflette infatti emozioni contradditorie: lucida curiosità, rispetto, desiderio di vedere ancora prima che di sapere, rifiuto. In occasione dell'edizione bolognese si era aperto un dibattito sulla pagina Focus.it di Facebook: possiamo proseguire, anche con le opinioni di chi è andato e di chi non ha voluto. Qui sotto, due fotogallery: la prima con una selezione di immagini dall'esposizione di Roma, la seconda, tratta da predenti edizioni, con la spiegazione del procedimento e altre informazioni.

21 ottobre 2014 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us