Curiosità

Basta discriminazioni razziali in aeroporto

Un'app contro le discriminazioni razziali in aeroporto.

di
Se anche a te è capitato di sentirti palpeggiato anziché solo toccato leggermente, se anche tu hai dovuto sopportare di essere ricontrollato dall’alto in basso in aeroporto senza apparente motivo, questa è l’applicazione che fa per te.

"Aumentano in modo esponenziali le segnalazioni all’agenzia aeroportuale statunitense"

Tecnologia anti-razziale

FlyRights app

Transportation Security Administration

App semplice ed efficace - FlyRights, scaricabile gratuitamente dall’App Store e da Google Play, offre due servizi: darti informazioni tramite il tasto “Know your rights” (conosci i tuoi diritti) e la possibilità di fare una segnalazione immediata, scegliendo “Report” dal menu. In questo caso ti basterà compilare un modulo arriverà dritto a TSA. Puoi persino condividere tutto su Facebook e Twitter volendo.

Pignolerie aeroportuali – Ormai è la norma: In tutto il mondo devi sottoporti a controlli sempre più rigidi negli aeroporti, in alcuni casi addirittura al body scanner, che ti analizza con la stessa metodologia usata per il tuo bagaglio. Peccato che però, ogni tanto, gli addetti alla sicurezza siano un po’ troppo in cerca di qualcosa di più. FlyRights in America sta aiutando la TSA a monitorare meglio la situazione. La prima persona a utilizzare l’applicazione, per esempio, si è sentita discriminata dopo aver informato le autorità di avere con sé del latte materno. Molte segnalazioni arrivano da chi invece, per questioni religiose, veste con capi particolari, soprattutto da chi indossa il turbante.

Sperando non ti serva – è un’app che al momento funziona solo negli Stati Uniti, ma purtroppo le discriminazioni esistono in tutto il mondo. C’è da augurarsi che se mai sarà disponibile anche qui, non ce ne sarà più bisogno. O che nessuno di noi la debba usare durante un viaggio in terra americana. (sp)

12 maggio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us