Babbo Natale e la Befana: perché il carbone ai bambini monelli?

La tradizione del carbone ai bambini monelli è antica e legata al luogo centrale delle case di una volta: il camino. Ma non era nuovo carbone.

carbone-di-natale_shutterstock_155484722
Più che portare carbone (che almeno ai grandi sarebbe stato gradito), Babbo Natale lasciava in dono quello che trovava nel camino. | Ron Leishman / Shutterstock

Che senso ha far trovare pezzi di combustibile fossile ai bambini per dire loro che non si sono comportati bene durante l'anno? La tradizionale punizione è in realtà piuttosto antica: il carbone a Natale ha fatto il suo ingresso nelle case molto prima dell'avvento di Babbo Natale, legato alle figure di San Nicola, Sinterklaas (il suo corrispettivo olandese) e, in Italia, della Befana.

 

(fortuna che oggi il carbone lo fan di zucchero...)

 

babbo natale, befana, epifania, carbone, tradizioni natalizie, camini, feste di natale
Comportamento: quanti giochi servono a un bambino? | bonchan / Shutterstock

Questi personaggi cari a culture e tradizioni diverse hanno però qualcosa in comune: il camino. Babbo Natale e la Befana scendono dal camino (per lasciare talvolta i doni nelle calze appese alla sua cornice); San Nicola, che un tempo entrava dalla finestra, iniziò a calarsi dal camino quando questo si diffuse nelle case europee, e a lasciare i suoi doni nelle scarpe messe a scaldare vicino al fuoco. Anche Zwarte Piet (Pietro il Moro), il controverso aiutante di Sinterklaas nelle leggende di Belgio e Paesi Bassi, è legato alla figura dello spazzacamino.

 

Si fa con quello che c'è. Proprio al camino sarebbe perciò legata l'usanza di lasciare il carbone: arrivati nelle case dei bambini monelli, questi personaggi non avevano doni da lasciare e riempivano calze e scarpe con quello che trovavano nel camino. Tra il 19esimo e il 20esimo secolo, quando nacque e si diffuse la tradizione del moderno Babbo Natale, i camini (e il carbone) erano ancora molto diffusi.

 

Fatta eccezione per Santa Claus, che aveva già troppi sacchi da trasportare, le altre figure lasciavano anche aglio, cipolle, ramoscelli e buste di sale ai bambini più discoli. Non disdegnavano cioè di riempirsi le borse anche dei regali meno graditi.

 

26 dicembre 2018 | Elisabetta Intini