Curiosità

Credete ancora che l'auto sia il mezzo più veloce? È ufficiale, vi sbagliate

Al contrario di quanto alcuni credono ancora, se tutti ci muovessimo in auto finiremmo per spostarci più lentamente che in bus: c'è la conferma della scienza.

A parte alcune eccezioni come Londra o New York, dove un'efficiente rete metropolitana permette di spostarsi in tempi relativamente brevi da un capo all'altro della città, in generale l'automobile è vista come il mezzo di trasporto più veloce per spostarsi in città... Sicuri che sia per davvero così?

Uno studio pubblicato su Royal Society Open Science e presentato dagli autori in un articolo di The Conversation mette in discussione questa convinzione: se tutti decidessimo di muoverci in macchina, il traffico generale risulterebbe rallentato e impiegheremmo molto più tempo per raggiungere la nostra meta.

Il video qui sotto confronta i tempi di percorrenza di 200 persone in bicicletta, a piedi, in autobus, in tram e in automobile: queste ultime sono quelle che impiegano di più (considerando una media di 1,5 persone per automobile, 20 persone per autobus e 40 persone in tram).

Reazione a catena. Il problema sta nell'interconnessione del traffico: bici, bus e pedoni risentono della congestione stradale causata dalle automobili, e per questo si allungano anche i loro tempi di percorrenza. In molte città le piste ciclabili, seppur migliorate negli anni, non sono ancora totalmente indipendenti dalle strade dove passano le automobili, e sono spesso strette e a tratti non connesse tra loro.

I bus, che a volte hanno una corsia preferenziale, nella maggior parte dei casi effettuano gli stessi percorsi delle automobili e rimangono dunque imbottigliati nel traffico, in particolare nelle ore di punta. In un contesto stradale di questo tipo una scelta "egoistica" (l'automobile) si rivela controproducente: «Cercando di vincere individualmente, perdiamo tutti», sottolineano gli autori.

Pensare alla collettività. Cambiare abitudini è difficile, ma necessario: questo non significa pensare di muoversi sempre e solo a piedi o in bicicletta, ma scegliere l'opzione che bilanci la velocità di trasporto individuale con quella della collettività. E se, ad esempio, Google Maps (che si è già rivelato attento alla sostenibilità) ci consigliasse il percorso più veloce non solo per noi, ma per la nostra famiglia, i colleghi o la città? Mettendo in preventivo di perdere qualche minuto in più a favore della collettività, l'intero traffico cittadino potrebbe beneficiarne. «Le abitudini dei pendolari sono difficili da modificare», sottolineano i ricercatori: «in attesa di politiche che ci aiutino ad agire nell'interesse della comunità, potrebbe essere utile implementare delle regole che scoraggino l'uso di automobili private.»

19 dicembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita, privata e politica, di Winston Churchill, il grande statista inglese che ha salvato il mondo dalla follia di Hitler. Il segreto della sua forza, le – non poche – debolezze, l'infanzia e i talenti dell'inquilino più famoso di Downing Street. E ancora: come nel 1021 il vichingo Leif Eriksson “scoprì” l'America; nella Vienna di Klimt; tutti gli inquilini del Quirinale; Tangentopoli e la fine della Prima Repubblica.

ABBONATI A 29,90€

Il lockdown e la rivoluzione digitale stanno cambiando il nostro modo di curarci. Ecco come gestire al meglio televisite e bit-terapie. Inoltre, gli impianti nucleari di nuova generazione; la prima missione del programma Artemis che ci riporterà sulla Luna; i vaccini e le infinite varianti del Coronavirus

ABBONATI A 29,90€
Follow us