Curiosità

Il più antico utensile mai ritrovato ha 3,3 milioni di anni

In una regione del Kenya una scoperta casuale sposta indietro di 700.000 anni età dei primi strumenti costruiti intelligentemente.

Ha 3 milioni e 300.000 anni il più antico arnese mai usato dai nostri antenati: è di 700.000 anni più vecchio di quello di cui si aveva conoscenza fino ad oggi. Se la scoperta verrà confermata avremo la certezza che gli Australopitechi, a cui appartiene anche la nota Lucy, sapevano utilizzare attrezzi di pietra, seppur rudimentali.

La scoperta è di Sonia Harmand, della Stony Brook University di New York, che ha studiato reperti che arrivano dal sito noto come Lomekwi 3 che si trova a ovest del lago Turcana, in Kenya. Il luogo si trova a circa 1.000 km di distanza da Olduvai Gorge (Tanzania) dove erano stati ritrovati strumenti vecchi di 2,6 milioni di anni e finora ritenuti i più antichi.

I PRIMI INDIZI NON CONFERMATI. In realtà nel 2010 ricercatori che lavoravano nel sito di Dikika (Etiopia), avevano trovato - insieme a resti di un bambino - fossili di animali che sembravano essere stati raschiati da oggetti di pietra. I resti fossili erano stati datati a 3,4 milioni di anni, ma l'ipotesi dell'uso di attrezzi fu accantonata dalla comunità scientifica, perché non furono trovati oggetti.

Lucy, l'australopiteco più famoso, forse usava già strumenti da lei costruiti

La prova. Nel 2011 un gruppo di paleontologi di cui faceva parte anche Sonia Harmand che stava studiando un’area particolare del Kenya, semplicemente sbagliò strada nel corso di uno spostamento e finì in una zona che già a una prima occhiata si mostrava ricca di oggetti costruiti da mani intelligenti.

La paleontologa iniziò uno scavo e ben presto vennero alla luce scaglie di pietra di natura artificiale, e scoprì perfino i blocchi di pietra da cui erano state ricavate. A oggi sono stati scoperti oltre 20 oggetti staccati dalla roccia madre e che si possono definire in tutto e per tutto utensili di pietra. Una volta datati, ecco la sorpresa: la loro età risale a 3,3 milioni di anni.

Troppo vecchi per qualsiasi specie di Homo habilis. Quindi risulta assai probabile che chi lavorò quelle rocce fu un Australopiteco simile a Lucy o a un Kenyanthropus platyops, ominide vissuto in quelle regioni e che molti paleontologi considerano una varietà di Afarensis.

16 aprile 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us