Curiosità

Al lavoro i chiaccheroni rendono di più

Un recente studio americano sdogana definitivamente le chiacchere tra colleghi: i lavoratori che interagisciono di più tra loro sono più produttivi degli stakanovisti infaticabili. A patto di non interrompere continuamente il lavoro. Cosa ne penseranno i capi ufficio? (Alessandro Bolla, 4 luglio 2008)

Se il capo vi rimprovera perché passate troppo tempo davanti alla macchinetta del caffè con i colleghi, da oggi potete rispondergli citando i risultati di un recente studio americano secondo il quale la vita sociale e l'interazione con gli altri aumentano la produttività. Benjamin Weber e i suoi colleghi del Mit hanno dotato un gruppo di impiegati di una grande azienda di speciali dispositivi in grado di rilevare quando stavano parlando, con chi e in quale zona dell'edificio. Questo sistema ha consentito ai ricercatori di ricostruire il network sociale delle "cavie" e di stimare i tempi di chiacchera rispetto a quelli di duro lavoro nell'arco di un mese. Un controllo sulle mansioni svolte e sugli incarichi portati a termine ha infine permesso di tracciare un quadro qualitativo delle performance degli impiegati.
Parliamone! L'analisi dei risultati ha portato a conclusioni sorprendenti: chi ha passato molto tempo tra un lavoro e l'altro interagendo con i colleghi, per esempio nella pausa pranzo o per una chiacchera in corridoio, ha avuto prestazioni fino al 60% superiori rispetto a quelle dei "secchioni" che hanno passato l'intera giornata chini sulla propria scrivania. Ovviamente è importante anche lavorare, e sodo, nei momenti giusti: chi ha interrotto spesso il lavoro per chiaccherare e perdere (o far perdere) tempo, ha visto la prorpria produttività colare a picco. La ricerca ha inoltre evidenziato come i migliori lavoratori siano stati quelli che nel periodo di osservazione hanno mantenuto il comportamento più costante, senza alti né bassi.

4 luglio 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us