Curiosità

La storia di Ahmed, il giovane scienziato scambiato per terrorista

La storia dell'adolescente che ha portato a scuola un orologio costruito in casa ed è stato arrestato perché si pensava fosse una bomba. Sui social il sostegno di Zuckerberg e l'invito di Obama alla Casa Bianca.

Focus non è un giornale che si occupa di attualità, ma la notizia che vi stiamo per raccontare ci ha molto colpito e appassionato. Per vari motivi. Il più importante è che riguarda un ragazzo appassionato di scienza e di tecnologia, molto curioso e intraprendente. Un po' come noi (a parte l'età) e come molti di voi, nostri lettori.

Ahmed Mohamed è un brillante quattordicenne americano. Vive a Irving, Texas, e frequenta come tanti altri coetanei la MacArthur High School. Spinto dalla passione sconfinata che nutre per scienza e tecnologia ha voluto mettere alla prova le sue competenze costruendo in casa un orologio. Quando lunedì Ahmed ha portato a scuola la sua creazione – una valigetta contenente un circuito integrato collegato a un display e a una batteria - per mostrarla con orgoglio alla professoressa, lei l'ha scambiata per una bomba.

Nel giro di poco Ahmed si è ritrovato ammanettato per sospetto di terrorismo prima nella stazione di polizia, poi in un centro di detenzione giovanile. In attesa del rilascio, il ragazzino è rimasto sotto il torchio dei poliziotti che non credevano alla sua versione, anche dopo aver ribadito più volte che il suo era un vero orologio e non un ordigno pronto a esplodere.


La notizia, che ha scatenato polemiche sulla diffidenza e le discriminazioni che negli Usa starebbero colpendo i cittadini musulmani come Ahmed, ha fatto il giro del mondo. E la reazione di solidarietà sui social network da parte di istituzioni e star non si è fatta attendere.

La valigetta con l'orologio costruito da Ahmed © Corbis/Courtesy of the Irving Police Department


Un errore imbarazzante. Durante la conferenza stampa successiva al rilascio, un Ahmed sorridente con una maglietta della Nasa ha raccontato di fronte alle telecamere dei reporter l'accaduto, amareggiato per la reazione della scuola, che non si è ancora scusata per l'errore, né ha ritirato la sospensione di tre giorni assegnatagli.


Ma Ahmed ha ricevuto anche segnali di grande solidarietà: sono infatti decine gli istituti che si sono offerti di accogliere il giovane inventore tra i loro banchi. «Ahmed è un ragazzo davvero brillante. Meno male che in casa c'è lui, che è capace di aggiustare sempre tutto, dalla TV all'auto di famiglia», ha commentato suo papà, Mohamed ElHassan Mohamed, «Penso che mio figlio non sia stato trattato equamente solo perché si chiama Mohamed ed è musulmano».

#IStandWithAhmed. Mark Zuckerberg, Hillary Clinton, Barak Obama e tanti altri hanno cinguettato in coro su Twitter il loro sostegno a Ahmed. «Avere le competenze e l'ambizione di costruire qualcosa di "fico" dovrebbe portare a un applauso e non all'arresto.

Il futuro appartiene alle persone come Ahmed», ha postato il Ceo di Facebook, invitando il piccolo scienziato a fare un giro nel quartiere generale di Menlo Park.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/en_US/sdk.js#xfbml=1&version=v2.3"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

You’ve probably seen the story about Ahmed, the 14 year old student in Texas who built a clock and was arrested when he...

Posted by Mark Zuckerberg on Wednesday, September 16, 2015

A lui si sono aggiunti Obama («Bell'orologio, Ahmed. Vuoi portarlo alla Casa Bianca?»);

la Nasa («Supportiamo i ragazzi stimolanti come Ahmed che inseguono i loro sogni»);

e una serie di innumerevoli follower che hanno twittato foto in compagnia di orologi di vario genere.


Intanto Ahmed non sta perdendo tempo per raggiungere il suo obiettivo e ha lanciato ieri una campagna di crowdfunding per finanziare i suoi futuri studi: in un giorno ha già raccolto quasi 10mila dollari.

17 settembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us