Speciale
Domande e Risposte
Curiosità

Aerei: a quale potenza decollano? E quanto inquinano?

Gli aerei commerciali decollano quasi sempre a una potenza dei motori ridotta per ridurre anche i costi. E se volassero più bassi inquinerebbero di meno.

Gli aeroplani non decollano quasi mai alla massima potenza, perché non solo non serve, ma sarebbe addirittura controproducente: quasi sempre, invece, gli aerei commerciali al decollo mantengono una potenza dei motori ridotta - la minima necessaria per alzarsi in volo e per potere, se necessario, rinunciare al decollo in sicurezza. Questo serve principalmente a diminuire i costi: un motore, che può costare tra i 5 e i 40 milioni di dollari, è soggetto a particolari stress proprio quando deve generare la massima spinta.

Limitando la potenza nella maggior parte dei decolli, si aumenta il tempo tra le costose revisioni e si allunga la vita del motore dell'aeroplano. Ma si aumenta anche la sicurezza: minore potenza dei motori vuol dire minore probabilità di malfunzionamenti, aumentando inoltre la controllabilità dell'aereo in caso un motore si guasti proprio nella fase critica del decollo. Grazie a questo, in alcune situazioni, ridurre la spinta permette di decollare con un peso maggiore di quello consentito alla massima potenza.

La spinta ottimale. La piena potenza si usa solo nei casi che davvero la richiedono. A ogni partenza, quindi, i piloti devono stabilire quale sia la spinta ottimale da utilizzare per quel decollo in base a quota, lunghezza e condizioni della pista, temperatura esterna, forza e direzione del vento, pressione atmosferica e diversi altri fattori. Per risparmiare e inquinare meno, ma garantendo sempre la sicurezza del volo. 

Un altro studio dell'American Chemical Society ha dimostrato quanto gli aerei potrebbero inquinare di meno se volassero più bassi. Secondo gli scienziati basterebbe una percentuale minima di aerei, calcolata in circa l'1,7%, che volasse a una quota di 600 metri più bassa, per limitare notevolmente la formazione delle scie di condensazione, riducendo così il loro effetto termico di ben il 59,3%.

Inquinamento aereo. Le scie si formano perché alcuni aerei, viaggiando alla loro quota di crociera (in media attorno ai 10.000 metri), emettono particelle di carbonio generate da una combustione incompleta dovuta alla rarefazione dell'aria, producendo così un'ingente fonte di inquinamento atmosferico. Secondo l'accurata ricerca degli scienziati, l'80% del riscaldamento proveniente attualmente dalle scie è riconducibile a solo il 2,2% dei voli, dei quali – incrociando rotte e corridoi di volo – circa i 2/3 potrebbero tranquillamente abbassare la propria quota, riducendo in modo importante l'inquinamento.

13 marzo 2022
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us