7 superpoteri mortali (per chi li ha)

La vita del supereroe non è sempre eroica e felice come si crede. E (la scienza dice che) può essere molto breve. Perché, anche ammesso di essere dotati di alcuni superpoteri, gli "effetti collaterali" possono essere terribili. Ecco alcuni esempi, trattati con rigore scientifico.

salvatore02_teletrasporto03_tempo04_paretihollywoodstepsout3106_carismavampiri-energetici-sfatulparintilor.ro-pixabay_comApprofondimenti
salvatore

Più veloci della luce, o comunque abbastanza veloci da essere super senza mettere qui in discussione Einstein, la Relatività e la scienza tutta. A chi sceglie questo superpotere regaliamo un paio di bonus: la capacità di elaborare al volo la mappa di tutto ciò che c'è attorno e i riflessi necessari a evitare gli ostacoli, giusto per non essere polverizzati fin dall'inizio.
 
A quella velocità vi state però anche scaldando oltre ogni limite: state per andare in autocombustione a causa della frizione tra le molecole del vostro corpo. Attenti perciò a correre troppo, anche perché c'è poi la questione dell'inerzia: guai a fermarsi di colpo! Tutto ciò che sta dentro di voi tenderebbe a proseguire come se nulla fosse... Come pensate che vi sentirete con occhi, viscere, cervello e ogni altro organo schizzato fuori dal corpo e spiaccicato sul muro davanti?

02_teletrasporto

Dritti al punto: il teletrasporto è proprio questo, vi porta a destinazione più rapidamente della super velocità e senza tutti quegli spiacevoli effetti collaterali. Efficace e discreto, questo metodo risolve a monte un sacco di problemi, parcheggio compreso: e tuttavia c'è qualcosa che lo rende un incubo.
 
Il problema principale è il controllo: (è noto che) bisogna visualizzare la destinazione con chiarezza nella mente, prima di attivare il superpotere. E "con chiarezza" vuol dire "focalizzare con estrema chiarezza e precisione" la destinazione. Bisogna avere fede e sperare che nulla sia cambiato dall'ultima visita, o ci si potrebbe teletrasportare in un divano, per esempio, spostato dall'architetto di turno, o in una pianta, o ritrovarsi con un mattoncino Lego incorporato nel piede. Anche apparire all'improvviso all'aperto può non essere salutare quando c'è una gara ciclistica, tanto per dire.

03_tempo

Il potere di fermare il tempo è fantastico: che importa la velocità quando il tempo non scorre? Non ci sono architetti che spostano divani o ciclisti in gita domenicale (vedi il teletrasporto). Ci sono però un paio di problemi di cui nessuno parla volentieri.
 
Fermare il tempo significa stoppare la timeline di tutti e tutto (tranne che per voi): un campo di energia vi mette al di fuori del tempo, ma se il campo non incorpora un po' d'aria state per soffocare, perché avete stoppato anche le molecole d'aria. Ma facciamo conto che ci sia un bonus d'aria.
 
State invecchiando più rapidamente di tutti. Se andate da qualche parte dovete farlo a piedi perché nulla funziona e se diventa un'abitudine sarete presto, inspiegabilmente vecchi. In più ci sono ancora di mezzo la fisica e l'inerzia: se fermate il tempo mentre viaggiate su di un qualche mezzo, l'auto (o l'aereo) si congelano in quell'istante di irrealtà, voi no, continuate a viaggiare...

04_pareti

Andare dritti per la propria strada, col potere di camminare attraverso pareti e altri ostacoli, è una gran cosa: ci si potrebbe fare un sacco di soldi, ed è utile se siete inseguiti da un killer. Detto ciò, la fisica non lascia molte possibilità per questo superpotere.
 
La prima vi permette di mettere in vibrazione le vostre molecole fino ad attraversare altre molecole. Purtroppo per voi, però, iniziando l'attraversamento provochereste l'immediata esplosione di quell'oggetto e di voi stessi, per via di tutti quegli elettroni che si trovano a occupare lo stesso spazio (cosa che agli elettroni non piace).
 
Un'altra possibilità è che possiate ridurre le vostre molecole a dimensioni sub-atomiche: in questo caso potreste attraversare qualunque oggetto solido, compreso il terreno, con implicazioni che vanno dalla Gamba nella Roccia al Viaggio al Centro della Terra, attraverso la crosta, il mantello e tutti gli strati fino al nucleo profondo.

hollywoodstepsout31

La triste storia dell'Uomo Invisibile. Siete invisibili: nessuno vi vede, nessuno si accorge che siete lì. È un livello di libertà del tutto nuovo, con potenzialità singolari e tutte da sperimentare.
 
Ma non è tutto oro quello che luccica. Il primo problema sono i vestiti, i quali non hanno lo stesso superpotere. Perciò siete invisibili e nudi! Va anche bene, almeno finché riuscite a mantenervi puliti: ma polvere, umidità, pulviscolo vi si attaccheranno addosso e presto si comincerà a vedere qualcosa.
 
Volete un bonus pulizia? Va bene, ma essere invisibili è comunque pericoloso. Perché tutti ci muoviamo nel mondo con un certo livello di consapevolezza di ciò che abbiamo attorno, inconsapevolmente pronti a interagire con la realtà percepita: ma come percepire l'invisibile? Come potreste evitare di essere travolti da un'auto, una bicicletta, un gruppetto di fanatici del jogging...

06_carisma

Super carisma: questo è bello! Basta esserci, e tutti quelli che vi stanno attorno penderanno dalle vostre labbra e adoreranno (letteralmente) tutto ciò che fate e dite. Che cosa mai può andare storto con questo superpotere?
 
Per cominciare, vi verrebbe a mancare quella spinta (positiva) che induce ad agire per ottenere qualcosa. E questo è anche l'origine di ciò che andrà storto. Se il vostro potere è abbastanza forte sarete circondati da persone appiccicose fino all'inverosimile, molto possessive (nei vostri confronti) e aggressive tra loro, per accaparrarsi i vostri favori. Perché sarete il loro bene più prezioso: proprio ciò per cui in genere si lotta con le unghie e coi denti.
 
C'è anche un altro aspetto triste: passerete la vita a chiedervi se il mondo vi ama per ciò che siete o perché lo obbligate, col vostro superpotere. Comunque sì, è vero: al mondo c'è anche chi non se lo chiederebbe.

vampiri-energetici-sfatulparintilor.ro-pixabay_com

Mutaforma zoomorfo. Molti mutaforma scelgono la strada dello zoomorfismo e assumono perciò sembianze animali. Chi fa caso a un cane che scodinzola, a un insetto nell'ombra o a un Trichoplax adhaerens nell'acquario del capo della CIA?
 
Qui c'è un problema: essendo diventati T. adhaerens (un animale di difficile classificazione) per ascoltare ciò che si dice negli uffici della CIA (ma non è dimostrato che il T. adhaerens sia in qualche modo capace di "ascolto") dovete poi tornare umani mettendo al lavoro il cervello sulla trasformazione. Purtroppo, non è dimostrato che il T. adhaerens possa mettere al lavoro una qualche forma di cervello: siete perciò mutaformati per sempre! Avete un timer biologico che risolve la questione e vi riporta umani? Un dramma: sarete umani, nudi, bagnati e nell'ufficio del capo della CIA!

Mutaforma zoomorfo. Molti mutaforma scelgono la strada dello zoomorfismo e assumono perciò sembianze animali. Chi fa caso a un cane che scodinzola, a un insetto nell'ombra o a un Trichoplax adhaerens nell'acquario del capo della CIA?
 
Qui c'è un problema: essendo diventati T. adhaerens (un animale di difficile classificazione) per ascoltare ciò che si dice negli uffici della CIA (ma non è dimostrato che il T. adhaerens sia in qualche modo capace di "ascolto") dovete poi tornare umani mettendo al lavoro il cervello sulla trasformazione. Purtroppo, non è dimostrato che il T. adhaerens possa mettere al lavoro una qualche forma di cervello: siete perciò mutaformati per sempre! Avete un timer biologico che risolve la questione e vi riporta umani? Un dramma: sarete umani, nudi, bagnati e nell'ufficio del capo della CIA!