7 cose che (forse) non sai sul Viagra

Oggi nel mondo si consumano 6 pillole blu al secondo: ecco i segreti del farmaco più contraffatto che ci sia.

_viagra_1187138

Il 22 giugno è scaduto anche in Italia il brevetto del Viagra, la pillola contro i problemi dell'erezione maschile. Questo significa che presto potrebbero arrivare in farmacia generici meno costosi a base di Sildenafil, il principio attivo del Viagra, e il grande mercato dei farmaci contro la disfunzione erettile potrebbe diventare ancora più grande. Già oggi nel mondo si consumano 6 pillole blu al secondo e si calcola che in 13 anni ne siano state vendute almeno 2,5 miliardi. E non è l'unica curiosità...

1) L'italia è il secondo Paese europeo per consumo di Viagra, dopo la Gran Bretagna (con Bristol in testa tra le città dove se ne consuma di più) e prima della Germania. Solo nel 2011 le nostre farmacie hanno venduto 7 milioni di pillole. La città dove se ne consuma più? Pistoia, seguita da Roma e Rimini.


2) Il Viagra è il medicinale più contraffatto al mondo. Secondo una ricerca realizzata dalla Pfizer, la casa farmaceutica che lo produce, su 22 siti internet apparsi online digitando la frase “comprare Viagra” su Google, l'80% vendevano al consumatore pillole contraffatte. Solo in Italia nel 2011 le forze dell'ordine hanno sequestrato 50 mila confezioni di Viagra "falso".

3) Guai a mischiarlo con il succo di pompelmo. Alcuni componenti del succo di pompelmo sono in grado di bloccare l’azione dell'enzima CYP3A4, necessario a metabolizzare il farmaco nell’intestino tenue. E questo aumenterebbe la comparsa di effetti indesiderati. Mentre i cibi grassi ne ritarderebbero l'effetto.


4) Era nato con tutt'altro scopo. Il Viagra è stato approvato come terapia medica orale per il trattamento delle disfunzioni erettili dalla FDA americana nel 1998. Per gli scienziati era una vecchia conoscenza: nel 1986, era stato proposto come farmaco per curare l'angina pectoris. Ma non funzionò a dovere e durante la sperimentazione i pazienti lamentarono il curioso effetto collaterale che ne ha decretato il successo definitivo.

5) Il significato della parola Viagra è un mistero. C'è chi ritiene che la radice di Viagra sia la stessa di vitalità e vigore. Altri che derivi dalla parola sanscrita Vyaghra (tigre). Ma c'è anche chi pensa che si tratti di un nome scelto a caso per il suo suono gradevole e la facilità di pronuncia. E che - negli Stati Uniti - ricordi il nome delle cascate del Niagara, località dove molte coppie passano alcuni giorni del viaggio di nozze.

6) Fa crescere... le piante! Ya'acov Leshem, uno scienziato israeliano della Bar-Ilan University, ha scoperto che somministrando il 2% della dose necessaria a un uomo a rose, margherite e garofani, i fiori restano freschi più a lungo. Dipenderebbe dal fatto che il Viagra è in grado di potenziare l'azione dell'ossido nitrico.

7) Aiuta col fuso orario. Nel 2007 tre ricercatori argentini (Patricia V. Agostino, Santiago A. Plano e Diego A. Golombek) hanno scoperto che il Viagra facilita il recupero del jetlag nei... criceti. La scoperta gli è valsa l'Ig-Nobel, il "premio sfottò" assegnato agli autori delle ricerche meno utili.

16 Luglio 2013 | Eugenio Spagnuolo

Codice Sconto