10 + 1 cose che (forse) non sai sulle banane

Qual è il paese dove si coltivano più banane? Che cos'è repubblica delle banane? La banana rischia di estinguersi? Il frutto più amato e i suoi piccoli, grandi segreti.

con_h_00440393
Le banane sono il quarto più importante alimento di base in tutto il mondo e il quinto prodotto agricolo per importanza in borsa merci dopo cereali, zucchero, caffè e cacao.|Mattia Zoppellaro/contrasto

Quando addenti una banana forse non sai che stai mordendo un record: quasi 100 milioni di tonnellate di banane vengono consumate ogni anno, il che fa di questo frutto il quarto più importante alimento di base al mondo e il quinto prodotto agricolo per importanza in borsa, dopo cereali, zucchero, caffè e cacao. E le soprese non sono finite...

 

Banane indiane. Il subcontinente indiano è il più grande coltivatore di banani al mondo, con circa 30 milioni di tonnellate di frutti all'anno. Una banana su quattro cresce in India. Uganda e Cina seguono a grande distanza. Ecuador, Costa Rica e Colombia sono i maggiori esportatori, ma non sono i più grandi coltivatori.

 

 

Banane giapponesi. Al giorno d'oggi, il Giappone è il luogo in cui le banane sono più ricercate. La crescita di popolarità sarebbe dovuta ad una stravagante dieta locale, la Morning Banana Diet, che impone un regime semplice: a colazione banane (a volontà) e acqua naturale; nessun limite per gli altri pasti (ma nessun dessert) e andare a dormire prima di mezzanotte.

 

Foglie. Forti, flessibili e impermeabili, le foglie dei banani sono spesso usate come contenitori ecocompatibili per alimenti a perdere o come "piatti" in Asia meridionale. Soprattutto negli Stati indiani del Tamil Nadu, Karnataka, Andhra Pradesh e Kerala, dove spesso il cibo è servito in una foglia di banano. In Tamil Nadu le foglie sono completamente essiccate e utilizzate come materiale da imballaggio per prodotti alimentari e anche come tazze.

 

 

Cantami o musa... I nomi scientifici per le banane sono Musa acuminata Colla e Musa balbisiana Collafor, per quanto riguarda le specie ancestrali, mentre Musa paradisiaca è l'ibrido di Musa acuminata e Musa balbisiana. Il nome Musa potrebbe derivare dal nome del botanico romano Antonio Musa, medico dell'imperatore romano Ottaviano Augusto, oppure dalla latinizzazione del termine arabo mauz, che indica il frutto del banano.

 

Profumo a sazietà. Secondo uno studio effettuato presso la Smell and Taste Treatment and Research Foundation di Chicago, odorare alcuni alimenti quando si ha fame può ingannare il cervello e fargli credere che li abbiamo effettivamente mangiati. Uno di questi alimenti è la banana.

 

 

Estinzione. Dan Koeppel, autore di Banana: Il destino della frutta che ha cambiato il mondo, ha pubblicato diversi articoli scientifici paventando l'estinzione del frutto. "La banana che arriva sulle nostre tavole è solo una delle migliaia di diverse specie di banana", ha scritto. "La prima banana che abbiamo mangiato era della specie Gros Michel, ed è andata estinta per la negligenza e la stupidità dell'industria delle banane". Su The Scientist ha spiegato che una nuova varietà della malattia fungina che ha spazzato via la banana Gros Michel starebbe attaccando la banana Cavendish, tra le varietà più diffuse. Come evitarlo? "La maggior parte degli scienziati concordano sul fatto che bisogna abbandonare la monocultura, che rende possibile l'emergere di malattie così devastanti."

 

 

Per sport. Un recente studio condotto dall'Appalachian State University Human Performance Lab ha trovato che consumare mezza banana ogni 15 minuti durante una prova a cronometro in bicicletta sarebbe efficace come bere una bevanda per lo sport a base di maltodestrine.

 

Repubblica delle banane. L'espressione si utilizza per un paese politicamente instabile la cui economia dipende in gran parte dall'esportazione di un singolo prodotto, come frutta o minerali. È stata coniata dallo scrittore americano O. Henry (1862-1910) per descrivere l'immaginaria Repubblica di Anchuria nel libro Cabbages and Kings (1904), una raccolta di racconti ispirati alle sue esperienze in Honduras durante il periodo 1896-1897.

 

 

Repubblica delle banane/2. Nel 1954 alcuni agenti della CIA (tra cui i celebri fratelli Dulles) ordirono un colpo di stato in Guatemala per deporre il presidente Jacobo Arbenz Guzmán, che voleva nazionalizzare terreni e piantagioni, molti dei quali sfruttati dall'americana United Fruit Company. La strategia dei golpisti fece scuola perché, oltre che dei militari, si servirono delle campagne pubblicitarie di Edward Barnays per screditare il presidente eletto e farlo apparire come un pericoloso comunista.

 

Radioattività. Le banane sono naturalmente radioattive, in modo leggero ma più della maggior parte degli altri frutti, a causa del loro contenuto di potassio e delle piccole quantità di un isotopo del potassio (potassio-40). I sostenitori del nucleare spesso si riferiscono alla dose di radiazioni di una banana per sostenere le loro argomentazioni.

 

 

Il lato oscuro. Secondo Fairtrade International "la piantagione tipica di banane in America centrale utilizza fino a 70 kg di pesticidi per ettaro per anno - oltre 10 volte di più rispetto alla quantità utilizzata per la produzione di altre colture nei paesi industrializzati. Questi spray chimici possono avere un grave impatto sulla salute dei lavoratori e delle persone che vivono nella zona, e sulla fauna circostante. E in molte piantagioni, le giornate di lavoro possono essere molto lunghe, spesso da 12 a 14 ore con straordinari non pagati e mancanza di sicurezza del lavoro".

16 Giugno 2015 | Eugenio Spagnuolo