Com'era la vita degli schiavi a Pompei?

Ritrovata in una villa vicino a Pompei una nuova stanza dove dormivano gli schiavi: l'arredamento ci svela come vivevano gli ultimi della società.

Ad appena 600 metri dall'Antica Pompei, nella villa romana di Civita Giuliana, è stata ritrovata una camera da letto dove probabilmente dormivano gli schiavi: i mobili, ricoperti dalla nube piroclastica poi solidificatasi che ricoprì la città nel 79 d.C., sono stati "ricostruiti" riempiendo i calchi di gesso. Il ritrovamento è stato annunciato da un comunicato stampa del Ministero della Cultura.

Gerarchia tra schiavi. La tipologia dei mobili ritrovati fa supporre agli archeologi che esistesse una gerarchia anche tra gli ultimi della società, gli schiavi: mentre uno dei due letti ritrovati è di fattura molto semplice e senza materasso, l'altro – chiamato "letto a spalliera" − sembra più confortevole e costoso. Nella cinerite (la roccia piroclastica che seppellì la città a seguito dell'eruzione del Vesuvio) sono ancora visibili le tracce delle decorazioni rosse su due delle spalliere. Oltre ai due letti sono stati rinvenuti anche due piccoli armadi, una serie di anfore, vasi di ceramica e diversi attrezzi, tra cui una zappa di ferro.

Nei vasi e nelle anfore sono stati ritrovati anche alcuni ospiti inaspettati, che testimoniano le condizioni igieniche precarie nelle quali vivevano gli schiavi: due topolini e un ratto, intrappolati nel loro tentativo di fuga dal flusso piroclastico.

Schiavi "liberi". Nella stanza non sono state ritrovate catene, né grate, né lucchetti: questo perché, spiega Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Pompei, era «la struttura sociale della servitù che doveva impedire fughe e forme di resistenza». I proprietari utilizzavano diversi metodi, tra cui anche la possibilità di formare una famiglia, per legare gli schiavi più strettamente alla villa: «Il controllo avveniva principalmente tramite l'organizzazione interna della servitù, e non tramite barriere e vincoli fisici», spiega il direttore. Insomma, gli schiavi della villa erano imprigionati non da catene e lucchetti, ma da vincoli invisibili e molto più resistenti di quelli fisici.

25 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us