WePlanet: l'inaugurazione a giugno

Il mondo della cultura si adegua alle nuove norme di sicurezza e, così, anche WePlanet posticipa di un paio di mesi la manifestazione "Cento globi per un futuro sostenibile".

WePlanet
|

Solo un po' più in là: con l'emergenza sanitaria il mondo della cultura si adegua alle nuove norme di sicurezza e, così, anche Weplanet, in linea con quanto deciso da altre associazioni e istituzioni, posticipa di un paio di mesi la manifestazione "Cento globi per un futuro sostenibile". La mostra verrà quindi inaugurata il 10 giugno e le installazioni saranno esposte in città fino al 21 agosto e, di conseguenza, l'asta benefica organizzata da Sotheby's e pensata per sostenere il Fondo ForestaMi e l'implementazione delle zone verdi di Milano, è slittata al 14 settembre.

 

Ripartire! Una decisione presa nella assoluta convinzione che sia necessario uno sforzo congiunto per reagire ai recenti accadimenti: «WePlanet è la dimostrazione della voglia di ripartire», sottolinea il ceo Paolo Casserà.m «e tutte le aziende, i mecenati e il mondo dell'associazionismo hanno confermato non solo la partecipazione, ma hanno anche dimostrato il grande spirito ambrosiano che contraddistingue Milano, i suoi cittadini e le sue forze produttive". 

 

Non ci si rassegna, dunque, pronti a ricominciare per promuovere la creatività e la bellezza in un ottica di sostenibilità del nostro pianeta: i 100 globi concorreranno a rendere la città ancora più vivace e attrattiva di prima.

 

Arte e creatività. Una manifestazione, quella di Weplanet, Gruppo Mondadori e Mediamond, sostenuta dal ministero dell'Ambiente, dal comune di Milano e dalla regione Lombardia: il progetto, attraverso l'arte e la creatività, «mira a sottolineare l'urgenza di affrontare la transizione sostenibile e a ribadire quanto sia cruciale il ruolo individuale nel processo di salvaguardia del pianeta». I 100 globi, realizzati e prodotti con plastica riciclata, sono stati affidati ad artisti, designer e creativi per interpretare il futuro della Terra e della nostra specie.

 

4 marzo 2020 | Chiara Raiola