Arte

L'Urlo di Munch salvato dalla scienza

L'Urlo, il capolavoro di Edvard Munch, potrà tornare in mostra, grazie a uno studio coordinato da una ricercatrice italiana.

Uno dei più celebri dipinti della storia - L'Urlo, del pittore norvegese Edvard Munch - potrà tornare a essere fruibile dopo che per anni la necessità di preservarlo ha impedito di esporlo, se non in rare occasioni. Il merito è di un team internazionale guidato da Costanza Miliani, direttrice dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, secondo cui a minacciare la brillantezza dei colori è l'umidità, e non la luce, come si pensava finora.

Stando ai dati, pubblicati sulla rivista Science Advances, i pigmenti, e in particolare il giallo di cadmio, molto amato dall'artista, soffrono se l'umidità relativa supera il 45%, ma sono invece stabili in diverse condizioni di illuminazione. Per gli amanti dell'arte è un'ottima notizia, perché regolare l'umidità nelle sale in cui le opere sono esposte è piuttosto semplice, mentre schermare la luce può essere un problema.

Le analisi. Lo studio (condotto nell'ambito del progetto europeo Iperion-CH, sulla conservazione del patrimonio culturale) si è avvalso di un laboratorio portatile in grado di eseguire indagini spettroscopiche e di test con i raggi X, condotti al sincrotrone di Grenoble (Francia) su micro-frammenti prelevati dall'opera. I dati sono stati poi integrati con informazioni ottenute invecchiando artificialmente il contenuto di un tubetto di colore giallo cadmio, appartenuto all'artista. Il risultato e il metodo impiegato potranno essere utilizzati anche per capire e preservare i capolavori di altri autori, dato che il giallo cadmio è stato utilizzato da molti artisti dello stesso periodo, fra cui Vincent Van Gogh ed Henri Matisse.

Colori da salvare. Fra il 1893 e il 1910, Edvard Munch dipinse diverse versioni dell'Urlo; la più celebre, conservata nel Museo di Oslo, è quella su cui è stato eseguito lo studio. La sua storia è tormentata. Rubata nel 2004, fu ritrovata un paio di anni dopo, gravemente danneggiata e da allora, per evitare un ulteriore degrado, è stata esposta in rarissime occasioni. Il giallo brillante di alcune nuvole è scomparso per sempre, ma d'ora in avanti sarà possibile preservare le tonalità di ciò che resta.

27 maggio 2020 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us