Arte

L'Urlo di Munch salvato dalla scienza

L'Urlo, il capolavoro di Edvard Munch, potrà tornare in mostra, grazie a uno studio coordinato da una ricercatrice italiana.

Uno dei più celebri dipinti della storia - L'Urlo, del pittore norvegese Edvard Munch - potrà tornare a essere fruibile dopo che per anni la necessità di preservarlo ha impedito di esporlo, se non in rare occasioni. Il merito è di un team internazionale guidato da Costanza Miliani, direttrice dell'Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr, secondo cui a minacciare la brillantezza dei colori è l'umidità, e non la luce, come si pensava finora.

Stando ai dati, pubblicati sulla rivista Science Advances, i pigmenti, e in particolare il giallo di cadmio, molto amato dall'artista, soffrono se l'umidità relativa supera il 45%, ma sono invece stabili in diverse condizioni di illuminazione. Per gli amanti dell'arte è un'ottima notizia, perché regolare l'umidità nelle sale in cui le opere sono esposte è piuttosto semplice, mentre schermare la luce può essere un problema.

Le analisi. Lo studio (condotto nell'ambito del progetto europeo Iperion-CH, sulla conservazione del patrimonio culturale) si è avvalso di un laboratorio portatile in grado di eseguire indagini spettroscopiche e di test con i raggi X, condotti al sincrotrone di Grenoble (Francia) su micro-frammenti prelevati dall'opera. I dati sono stati poi integrati con informazioni ottenute invecchiando artificialmente il contenuto di un tubetto di colore giallo cadmio, appartenuto all'artista. Il risultato e il metodo impiegato potranno essere utilizzati anche per capire e preservare i capolavori di altri autori, dato che il giallo cadmio è stato utilizzato da molti artisti dello stesso periodo, fra cui Vincent Van Gogh ed Henri Matisse.

Colori da salvare. Fra il 1893 e il 1910, Edvard Munch dipinse diverse versioni dell'Urlo; la più celebre, conservata nel Museo di Oslo, è quella su cui è stato eseguito lo studio. La sua storia è tormentata. Rubata nel 2004, fu ritrovata un paio di anni dopo, gravemente danneggiata e da allora, per evitare un ulteriore degrado, è stata esposta in rarissime occasioni. Il giallo brillante di alcune nuvole è scomparso per sempre, ma d'ora in avanti sarà possibile preservare le tonalità di ciò che resta.

27 maggio 2020 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us