Arte

Aveva in casa un Cimabue (e non lo sapeva)

Scoperto in Francia un dipinto del grande pittore fiorentino Cimabue: appeso alla parete di una cucina che improvvisamente vale 6 milioni di euro, a ottobre andrà all'asta.

Era considerato un anonimo quadretto annerito, tant'è che per anni è rimasto appeso al muro tra il salone e la cucina di una casa della cittadina francese di Compiègne, comune a nord di Parigi. E invece, quella piccola tavola di 20,3 per 28,5 centimetri appartiene nientemeno che a Cimabue, al secolo Cenni di Pepo (1240-1302), il maggiore pittore italiano prima dell'avvento di Giotto, di cui fu maestro. Dipinta a tempera d'uovo su fondo dorato, l'opera rappresenta uno degli episodi più violenti e intensi della Passione: la Derisione di Cristo, in cui Gesù è sottoposto a beffe e ingiurie da parte dei soldati dopo la sua cattura.

Un pezzo ritrovato. A permettere la straordinaria scoperta è stata l'anziana signora residente in quella casa, che dopo aver a lungo ignorato la qualità del quadro, si è infine rivolta alla casa d'asta Actéon. L'opera è quindi passata al vaglio della Maison Turquin, società parigina fondata dall'esperto d'arte Eric Turquin e specializzata in dipinti antichi. La tavola non è firmata, ma secondo i periti non ci sono dubbi circa la sua autenticità. C'è di più: il Cristo deriso sarebbe uno degli otto pannelli di un polittico dipinto nel 1280-'85 e di cui si pensava fossero sopravvissuti solo due parti: la Flagellazione (oggi parte della Frick Collection, a New York) e la Maestà (alla National Gallery di Londra). Si aggiunge così un altro pannello al capolavoro perduto del maestro Cimabue. La tavoletta, tra l'altro in eccellente stato di conservazione, è stata valutata tra i 4 e i 6 milioni di euro e andrà all'asta il 27 ottobre a Senlis.

26 settembre 2019 Federica Campanelli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us