Focus

I finalisti dei Sony World Photography Awards 2015

La giuria di uno dei più prestigiosi concorsi fotografici al mondo ha appena annunciato i nomi degli autori degli scatti giunti in finale: l'edizione 2015 del Sony World Photography Awards ha visto scontrarsi  140 mila foto realizzate da fotografi professionali e fotoamatori di 166 diverse nazionalità (tra cui molti italiani). Ecco una selezione delle migliori immagini proposte nelle categorie professionisti, amatori (open) e giovani fotografi. Guarda anche i vincitori delle edizioni 2014 - 2013 - 2012 - 2011

Tre raganelle nella luce del mattino.
Foto di Harfian Herdi, Indonesia, Shortlist, Nature &Wildlife, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Esuaberanza.
Foto di di Christine Kapuschinsky Johnson, Austria, Shortlist, Smile, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Vita moderna.
Foto di Ramil Gilvanov, Russian Federation, Lifestyle, Shortlist, Professional Commpetition, 2015 Sony World Photography Awards

Il 35% della popolazione della Mongolia ha ancora uno stile di vita nomade e dipende dalla Terra per sopravvivere. Ma la desertificazione ha inghiottito, negli ultimi 30 anni, un quarto della terra fertile, mettendo a rischio il tradizionale nomadismo trasmesso di generazione e in generazione. Il progetto fotografico da cui è stata tratta la foto sovrappone scene di vita nomade a luoghi ora trasformati in deserto. La cultura nomade mongola potrebbe in futuro esistere solo nei musei, sembra suggerire l'immagine.
Foto di Daesung Lee, Republic of Korea, Shortlist, Conceptual, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Una delle foto finaliste nella competizione riservata ai giovani fotografi.
Foto di Adi Dekel, Israel, Shortlist, Portraits, Youth Award, 2015 Sony World Photography Awards

Un gruppo di pellicani si recano... al ristorante. Vivono nei pressi di un pontile a Port Vincent in Australia e hanno sviluppato un comportamento opportunistico come i gabbiani.
Foto di Melissa Little, Australia, Shortlist, Nature & Wildlife, Open, 2015 Sony World Photography Awards

La foto di questa ginnasta senza volto è stata scattata durante una competizione di ginnastica artistica in Polonia, destinata a bambine tra gli 8 e i 12 anni.
Foto di Adrian Jaszczak, Poland, Shortlist, Arts&Culture, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Una delle tradizionali attrazioni della cultura indonesiana, chiamata Bujang Ganong: la danza rituale prevede anche un salto in un anello infuocato.
Foto di Aprison Aprison, Indonesia, Shortlist, Arts&Culture, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Le facce e i colori delle città sono l'oggetto delle foto del fotografo iraniano Farid Sani. In questo scatto Berlino.
Foto di Farid Sani, Iran, Shortlist, Travel, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Tra gli italiani entrati in finale c'è anche un maestro della fotografia italiana , Massimo Siragusa, con un reportage sulle discoteche, le balere e i dancing italiani.

Facce olimpiche. L'italiano Ludwig Rieder si prepara per la gara dello slittino doppio alle olimpiadi invernali di Sochi.
Foto di Sascha Fromm, Germany, Shortlist, Sport, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Un bambino nencio gioca a -40 gradi. Siamo in inverno nella penisola di Yamal in Siberia. I Nenci o Nenezi sono una popolazione indigena della Russia che abitano soprattutto in Jamalia e Nenetsia.
Foto di Simon Morris, United Kingdom, Shortlist, Smile, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Grazia sincronizzata... e subacquea.
Foto di Jonathan Yeap Chin Tiong, Singapore, Shortlist, Sport, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Il duro allenamento di un lottatore di Sumo a Tokyo.
Foto di Marcin Klocek / TRAVELLER, Poland, Shortlist, Sport, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Racconta il fotografo Kimmo Metsaranta: «Nel mio servizio fotografico ho cercato di ricreare immagini dal vivo utilizzando i gatti. Impresa improba: gli animali hanno una loro volontà e non si mettono in posa». Bella scoperta!
Foto di Kimmo Metsaranta, Finland, Shortlist, Still Life, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Un gruppo di devoti indù si prepara a immergersi nelle acque del fiume sacro Gange. Giulio di Sturco ha documentato per 5 anni i cambiamenti che il fiume Gange sta attraversando: la distruzione naturale e industriale lungo le sue sponde, in alcuni casi intenzionale, in altri accidentale.
Foto di Giulio di Sturco / Reportage by Getty, Italy, Shortlist, Landscape, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Sonia e Anita Singh hanno rispettivamente 12 e 5 anni. Sono indiane e sono nate con un deifetto della vista congenito che le ha rese cieche. Devono essere sempre accompagnate da qualcuno. C'è una cura per la loro malattia: una semplice operazione di 15 minuti. Ma per loro e per gli altri circa 12 milioni di Indiani che soffrono di cataratta, è un'operazione troppo costosa.
Foto di Brent Stirton, South Africa, Shortlist, Contemporary Issues, Professional, 2015 Sony World Photography Awards

Ritratti dal Kenya.
Foto di Joseph Makeni, Kenya, Shortlist, Smile, Open, 2015 Sony World Photography Awards

La festa del Purim a Gerusalemme celebrata da un gruppo di ebrei ultra ortodossi.
Foto di Gili Yaari, Israel, Shortlist, Arts & Culture, Professional, 2015 Sony World Photography Awards

Suonala ancora Sam (o forse no). Un manifestante ucraino suona il pianoforte su una barricata davanti alle forze di polizia in tenuta antisommossa durante la protesta continua a Kiev, in Ucraina nell'ottobre del 2014.
Foto di Vladyslav Musiienko / UNIAN, Ukraine, Shortlist, Current Affairs, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Un neonato appena venuto al mondo con un parto cesareo. Questa immagine raccoglie la prima espressione di un essere umano.
Foto di Christian Berthelot, France, shortlist, Portraiture, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Per il progetto "Restricted area" l'autrice di questo scatto ha viaggiato alla ricerca di luoghi che un tempo rivestivano un'importanza strategica per l'ideale di progresso tecnologico di una nazione, e che oggi sono divenuti deserti e obsoleti. Città segrete un tempo considerate simbolo di progresso scientifico - inteso soprattutto come possesso di avanzate tecnologie militari - che oggi non appaiono neanche sulle mappe, e sono popolate di edifici abbandonati o non finiti.
Foto di Danila Tkachenko, Russia, Shortlist, Landscape, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Arriva l'estate a Sydney.
Foto di David Pereira, Singapore, Shortlist, Culture, Youth, 2015 Sony World Photography Awards

Il fotografo inglese Dougie Wallace ha raccolto una serie di ritratti degli abitanti di Glasgow (in Scozia) e di due quartieri tra i più eleganti di Londra, Kensington e Chelsea. E poi li ha messi a confronto. In questa foto due donne il giorno del referendum, per l'indipendenza della Scozia.
Foto di Dougie Wallace / Institute, United Kingdom, Shortlist, Portraiture, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Foto di Gina Alderson-Hicks, Australia, Shortlist, Architecture, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Capelli.
Foto di Jens Juul, Denmark, Shortlist, Portraiture, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

"Papà svedesi" è il lavoro realizzato da Johan Bavman. Il fotografo ha fotografato diversi padri (quello della foto si chiama Ola Larsson ha 41 anni e sta giocando con il figlio Gustav di 8 mesi) per raccontare il sistema di congedo parentale svedese, il più generoso del mondo. Il sistema attuale consente ai genitori di rimanere a casa con il loro bambino per un totale di 480 giorni, ricevendo un assegno dallo Stato. Di questi 480 giorni, 60 devono essere presi dal padre, altrimenti si perdono. La legge potrebbe essere cambiata aggiungendo altri 30 giorni di congedo e aggiungendo un ulteriore bonus economico per le coppie che dividono più equamente i giorni di congedo.
Foto di Johan Bavman, Sweden, Shortlist, People, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Picine inglesi.
Foto di Jonathan Syer, United Kingdom, Shortlist, Campaign, Professional, 2015 Sony World Photography Awards

Coppie nella doccia.
Foto di Julia Fullerton-Batten, United Kingdom, Shortlist, Lifestyle, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Berlino
Foto di Jürgen Schrepfer, Germany, Shortlist, Architecture, Open, 2015 Sony World Photography Awards

Il costo dell'obesità. Per Hector Garcia Jr. ache le più semplici operazioni quotidiane, come farsi un bagno, sono un'impresa. Hector, dopo aver raggiunto il peso di 288 kg ha deciso di mettersi a dieta.
Foto di Lisa Krantz, United States, Shortlisted, Contemporary Issues, Professional, 2015 Sony World Photography Awards

La foto ritrae l'attività lavorativa di una famiglia fiamminga come tante, che vive in una casa circondata dalla natura, con una figlia piccola e buoni rapporti di vicinato. Ma quando Eva, la bambina, è a scuola, Laura e Maurice, i suoi genitori, filmano quello che la maggior parte delle persone preferiscono tenere per sé: la coppia di pornoattori è inquadrata, in questa foto e nelle altre della serie, all'interno dell'ambiente in cui vive. Un mondo fatto di scene hard ma anche di momenti extralavorativi, di vita familiare e amicale
Foto di Liza Van der Stock, Belgium, Shortlist, People, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Un bambino su 700 nasce con la sindrome di Down.
Foto di Sabine Lewandowski, Germany, Shortlist, People, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Awards

Un vecchio pastore sorpreso con il suo gregge da una bufera di neve nel nord dell'Iran.
Foto di Saeed Barikani, Iran, Shortlist, Smile, Open, 2015 Sony World Photography Awards

La foto che vedete è stata scattata dal finestrino di un ultraleggero, da 1200-1500 metri di altezza. La distanza dal suolo, insieme alle condizioni atmosferiche e all'ora dello scatto, danno all'immagine - praticamente senza ombre - l'effetto di un quadro astratto. Il nome della serie è Blue Fields, campi blu: le foto ritraggono le distese di sale della Useless Loop nella Shark Bay, la punta più occidentale dell'australia, e fanno parte di un progetto più alungo termine che esplora la relazione tra percezione umana, realtà e aspettative dello sguardo.
Foto di Simon Butterworth, United Kingdom, Shortlist, Landscape, Professional Competition, 2015 Sony World Photography Award

Tre raganelle nella luce del mattino.
Foto di Harfian Herdi, Indonesia, Shortlist, Nature &Wildlife, Open, 2015 Sony World Photography Awards